PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Anime dannate

Alle anime dannate non è concesso vivere in questo mondo.

Bevo un bicchiere del mio vino rosso corposo
scende nella gola
scorre nelle vene
facendomi sentire ancora più sola.

Vago nella notte
correndo nel fitto bosco
ferisco tra i rovi
la mia bianca pelle
un tempo pura e delicata.

Vedo uscire il rosso sangue
lo assaporo con paura
so che scorre anche in esso il mio male
acutizzando così il mio malessere.

Arrivo ad un dirupo
vedo la vallata
vasta, pacifica, illuminata a giorno
da una bianca luna.

Nuda a braccia aperte
respiro la notte
afferro il buio
assaporo la vita.

Dal bosco ora esce una figura a me sconosciuta
pare voglia giocare a burlarmi.
Allora ho capito
le giro le spelle e resto in attesa.

Una forte spinta mi arriva da dietro
il mio corpo si stacca da terra
scende
sbatte
le rocce appuntite colpiscono le gambe, le braccia
e per finire la testa.

Ora tutto è finito
chiudo gli occhi
smetto di pensare.

Oh morte
così tanto tempo hai impiegato
per venirmi a cercare?

Ora è tutto finito
Lui si allontana
in un angolo sola
le mie ferite inizio a consolare.

 

4
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 23/01/2012 12:44
    pare un sogno divenuto poesia a metà tra introspezione e solitudine, sofferenza e speranza: "Nuda a braccia aperte respiro la notte afferro il buio assaporo la vita" a questa metafora contrapponi "Ora tutto è finito chiudo gli occhi smetto di pensare" in un ossimoro assai doloroso. L'espressione dei sentimenti è feroce e senza tregua. Lascia ferite, quegli stessi graffi, nel lettore. Brava

9 commenti:

  • giuseppe bevacqua il 26/01/2012 16:21
    La poesia è veramente travolgente, ma tu sei sicura di quello che dici.. mi spaventi.. a volte per cambiare le cose bastano semplicemente due occhi da guardare.
  • giuliano cimino il 26/01/2012 00:18
    questa figura del Lui non propriamente "amore buono" mette un po' di di malinconica e sofferente immagine, ma che la morte da te descritta sia una Rinascita!
  • denny red. il 24/01/2012 06:38
    Poesia che colpisce alle braccia alle gambe e per finire alla.. si alla fine, ora è tutto finito.
    Intensa dall'inizio fino alla fine. Bella!! Brava! Stella
  • Salvatore Maucieri il 23/01/2012 18:59
    Eccezionale questa tua. Bravissima. Ciaoooooo
  • Maria Rosa Cugudda il 23/01/2012 17:42
    gradevole ed importante lirica!
  • stella luce il 23/01/2012 17:24
    grazie... come sempre gentili a fermarvi a leggermi...
  • mirtylla il 23/01/2012 17:14
    "Alle anime dannate non è concesso vivere in questo mondo"

    Purtroppo ci vivono, male ma ci vivono, sono anime irrequiete che non sanno decidersi tra il costruire o il distruggere e così sono in un perenne conflitto che le rendono dannate in terra
    molto sentita
  • Vilma il 23/01/2012 12:46
    forte ed incisiva... stupenda lirica
  • Anonimo il 23/01/2012 12:40
    forte questa lirica... scritta con versi sentiti ed eleganti... anime dannate... non è concesso a loro di vever in queso mondo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0