PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gigantografia dell'abbandono

Siedo ed osservo il ritaglio tetro
di mille solitudini al di là del vetro.
Fumo e ruggine, insulti e grida,
stufe prepotenti con pecore alla guida.

Fuggito il Sole, caduto è l'abbaglio.
Gocce di speranza più non mi riesce
di spillare dai muri diroccati,
più non sopporto ciò che vedo.

Ribolle il sangue, s'incattivisce,
oggi perdono non voglio né concedo.
Solo per te avrei la forza di uscire,
ma dal tuo strano mondo, non riesci a sentire.

Un quadro vuoto su un muro nero,
questo sono oggi, uniforme e sincero.
Anche te caccio, ho un'altra e mi vanto:
si chiama Solitudine, sorella del Pianto.

 

7
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 24/01/2012 14:10
    Mi piace... perchè sembra un dipinto in musica!

9 commenti:

  • Erica C. il 14/03/2013 10:37
    Semplicemente stupenda... *-*
  • mauri huis il 25/01/2012 18:55
    Molto bella, eri proprio incazzato eh?
  • Vilma il 25/01/2012 12:10
    Stupendi questi versi e le immagini che ci dai. Complimenti
  • Gianni Spadavecchia il 24/01/2012 14:43
    Solitudine sorella del pianto.. adesso penserò chi è la sorella del sorriso.. la felicità?
  • karen tognini il 24/01/2012 08:06
    Splendida Alessandro.. consapevolezza dell'oggi... Fuggito il sole, caduto è l'abbaglio.
    Gocce di speranza più non mi riesce
    di spillare dai muri diroccati,
    più non sopporto ciò che vedo.
  • Anonimo il 23/01/2012 20:38
    Scusa! Solo ora ho capito il soggetto in questione! Be', vista l'introspezione... Scusa! Posso dirti che è normale sentirsi così.
  • Anonimo il 23/01/2012 20:37
    Wow... Non ti facevo così... Negativo.
    Vedo buio, nebbia e tanto disprezzo. Non un lume, né qualcuno ad aiutarti, troppo concentrato nel suo "strano mondo", che poi 'strano' dipende da quale finestra sul mondo si osserva...
    Comunque, è ben formata, tetra, direi, ma è palese!
  • loretta margherita citarei il 23/01/2012 20:26
    sei bravo complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 23/01/2012 19:35
    più non sopporto ciò che vedo... concordo Alessandro...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0