accedi   |   crea nuovo account

Io sono senza metà di me

Andai
in un Hotel
chiesi una stanza

avevo in mente di passare una notte con Te

ma tutto era stato prenotato da uno sceicco americano

andai
in bottega
per comprare un po' di pane nero integrale

ma non c'è n'era più abbastanza in questa epoca nera

ad un frontiera
mi chiesero
ma lei chi è
non può passare con questa cadenza di passo senza un documento d'identità e senza avere una meta

Sono Tutti
Risposi

e la metà di me sta morendo di malattia e di fame

 

4
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • silvana capelli il 25/01/2012 13:44
    è vero caro Vincenzo, la metà di noi muore senza pena ne colpa,
    eppure, il mondo gira trascinando questo grande fardello di povera gente. Tutti dicono e non fanno, o fanno ben poco.
    bravo, un caro saluto
  • Ada Piras il 24/01/2012 18:50
    Meravigliosa... e basta.
  • loretta margherita citarei il 24/01/2012 17:16
    ottima e profonda poesia bravo
  • karen tognini il 24/01/2012 12:15
    Non c'è giustizia divina... il mondo si è perso nell'assurdita' dell'odio... generando solo dolore...

    L'Amore va cercato dentro di noi.. solo così potremo amarci davvero...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0