PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Coerenza

forza bruta e orrore
predazione abuso sulla vita
per la ragione che un pazzo
afferma d'aver partorito

la verità è una
discriminazione logica
della mente che
ha perso il suo potere

l'intelletto ha fatto posto
ad un calcolatore
di strategie e vendette che
scambiano la stessa moneta

la linea retta che percorre
in lungo la vita
è lo spirito che riempie
l'intera l'esistenza

non è importante
ciò che è stato fatto
quello che lasceremo
sarà il risultato

 

4
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 25/01/2012 12:29
    Una poesia che mette a nudo noi e la società in questo secolo ventunesimo. Una sola flessione, suona meglio: l'intera esistenza..
  • Auro Lezzi il 24/01/2012 17:33
    Una poesia decisamente ragionata... Da rifletterci su.

6 commenti:

  • mirtylla il 25/01/2012 17:04
    "la linea retta che percorre
    in lungo la vita
    è lo spirito che riempie
    l'intera l'esistenza"

    ... e lascia una scia che sarà d'esempio alle generazioni future, nella quale si potrà trarre il bene ed il male
    Ad ognuno il suo tempo

  • Elisabetta Fabrini il 25/01/2012 15:20
    Uno spunto per capire, per pensare, per riflettere. Grazie, la poesia serve anche a questo!
  • Gianni Spadavecchia il 25/01/2012 15:17
    Infatti;è importante ciò che lasceranno, ciò che sarà risultato!
  • mauri huis il 25/01/2012 13:37
    Troppo difficile per me. Ne devo mangiare ancora, di polenta...
  • senzamaninbicicletta il 25/01/2012 10:48
    si tratta di una rielaborazione di un pensiero di Joan Mirò di quando prima e durante la guerra dipingeva "costellazioni" (il titolo originale è appunto "costellazioni" la si può leggere a http://senzamaninbicicletta. wordpress. com/2012/01/24/costellazioni/ ) e spiegava così la sua pittura "... ciò che conta non è tanto un'opera, ma la traiettoria dello spirito che attraversa la totalità della vita, non ciò che si è riusciti a fare durante il suo corso, ma ciò che essa lascerà ad altri in un giorno più o meno lontano" io l'ho rielaborata con la poesia aggiungendo spunti di attualità. In sintesi si tratta di metapoesia con riferimenti al declino dell'etica umana.
  • Alessandro il 24/01/2012 17:13
    L'intelletto, bandendo i sentimenti e la coscienza, ha dato spazio al suo lato più oscuro e calcolatore, quello dello spietato tornaconto. E a pensare alle conseguenze di tutto ciò, rabbrividiamo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0