PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Povere le mie farfalle

Povere siete
mie farfalle
volate via dalla mia marcia gioventù.

Giorni oscurati dall'ira,
dal lamento,
dall'insetto
che in me si cela ancora dentro.

Povere,
e altro non siete
poiché da me siete sfuggite.

Avvelenate dall'angoscia,
bagnate dai fiumi di alcols,
offuscate dal fumo,

Voi,
che conoscete la mia anima
a fondo

tornate presto,
vi prego

a viver senza di voi
Ahimè

mie care farfalle,
proprio non ci riesco.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 26/01/2012 00:26
    Ricorda antica e bellisima canzone di Luca Carboni intitolata "Farfallina" che dette adito a critiche fortissime da donne di carattere. Si respira una tristezza da urlo. E queste saranno davvero farfalle o semplice falene dalla vita che dura un solo giorno?

14 commenti:

  • STEFANO ROSSI il 29/01/2012 10:47
    Grazie Lau ti ringrazio davvero del commento e OVVIO continuerò a scrivere finchè avrò le mani per farlo, le critichè me le sparo in vena e mi servono per andare avanti, con la rabbia, con la purezza, con tutto quello che ho dentro.
  • STEFANO ROSSI il 29/01/2012 10:36
    Arcano dai, non facciamo la guerra e basta offendere, io non ti ho commentato mai nulla di tuo e te se sei UMANO come dici dovresti fare altrettanto, i tuoi commenti sono DISUMANI non i mia, se ti fa schifo ciò che scrivo non leggere, non commentare, non capisco perchè mi dai di falso io non ti ho mai detto nulla o offeso se non per difendermi dai tuoi commenti esaltati. continua ripeto nel tuo lavoro scrivi per il gusto di farlo e non per metterti in competizione con gli altri, per me la storia finisce qui, tanto è inutile commentare e commentare offendere e offende su internet, non serve a nulla, non porta a niente, no? spero che hai afferrato il concetto, ciao arcano
  • A. A. il 28/01/2012 01:01
    E poi non credete di finirla?

    Basta! Questa lite non porta nessun giovamento a nessuno.

    Anzi, ad essere onesto.

    Se devo aprirmi, anche se so che è pericoloso aprirsi.

    Soffo all'idea, al solo pensiero che voi, uomini, donne... o è meglio dire FRATELLI, rifiutate di vedere la metafisica della realtà. L'utopia della poesia.

    Soffro, vedendovi l'uno contro l'altro, fratello contro fratello.
    E per cosa? Per rabbia? Per invidia? Per cosa?

    Non c'è modo di farvi conoscere ciò che penso e conosco. Perché lo ripudiereste come ripudiate Dio e voi stessi.

    Non posso aprirmi a voi quando vedo il rifiuto nelle vostre parole, nelle vostre pupille e nelle vostre anime.

    È per questo e per molto altro che sono costretto a rendermi repellente agli occhi altrui.

    E non mi interessa di essere giudicato o meno. Non mi interessano le liti, le menzogne, la falsità e il male.

    Il bello è che pensavo voi foste migliori. Che foste pronti a essere gli esseri umani che dovete essere, per voi stessi, per il mondo, per la vita.

    Si vede che mi sono sbagliato. Si vede che la speranza è già morta prima di nascere. Un aborto che si è compiuto prima della salvezza.

    Con questo ho finito.
  • A. A. il 28/01/2012 00:26
    Non hai la minima idea di chi o cosa sono.

    Sai solo giudicare, solo GIUDICARE. Un'anima che al suo interno ha solo male.

    Guarda come la rabbia e l'invidia ti divorano gli occhi.

    Non hai nemmeno volontà su la tua coscienza.

    Per non parlare della falsità che stai dimostrando.

    E ti definisci umano?!?

    Non meriti nemmeno di essere chiamato umano per la tua mole guerrafondaia.
    Dovrei scrivere di te. Di come sei verme su le labbra delle anime.

    Lo sai, dovresti farmi pena, ma non meriti nemmeno quella.
    Non meriti clemenza, pietà alcuna né fede, ne amore e né niente.

    Perfino il nulla dovrebbe ripudiarti.

    Sei solo male come tutta la falsità che esce dalla tua penna.
  • laura cuppone il 27/01/2012 23:07
    oh...
    una profonda sintesi
    di una altalenante
    coscienza
    tra il prima e il dopo...
    sfugge il battito
    al vento
    perchè esso stesso
    lo provoca...


    non sono ore
    nè fumi nè alcol
    che possono trattenere la polvere impressa sulle tue ali..
    essa é dentro e fuori di te..
    mentre le batti per volare...

    scrivi... scrivi...

    Lau
  • STEFANO ROSSI il 27/01/2012 11:04
    Arcano guarda che te a mio parere non sai scrivere ma è una di questione di punti di vista no?, ad offendere siamo tutti bravi su internet specialmente se non metti ne una tua foto ne il tuo nome reale, per definirti grande poeta ma soprattutto MALEDETTO sono altre le cose che devi fare e non solo offendere il prossimo e scrivere sulla morte, sui vermi, povero il mio arcano volato via nel vento che poco ha capito della vita e della poesia. Evita i tuoi commenti qui non sono i benvenuti continua a scrivere le tue stronzate che io scrivo le mia, addio MALEDETTO POETA.
  • A. A. il 27/01/2012 02:41
    Mh...

    Mi aspettavo di più da uno che sa giudicare le persone in base a nulla.

    Di certo, chi ti lecca i glutei, qui sono abbastanza.

    Ma ora parliamo della tua "poesia" che Poesia non è.
    Sarò breve e esperto.

    Troppe ripetizioni. Immagini estremamente ricercate. Linguaggio povero di omogeneità. Insomma, uno stile degno di un bambino di due anni. Io a sei scrivevo meglio.

    Spero che non te la prenda per cosi poco.
    Dopottutto ciò che ho detto è palese. E credimi quando dico che molti qui pensano ma non hanno il coraggio di dire la verità.

    Ah, se qualcuno qui prova a giudicarmi senza un permesso Divino, allora sarà maledetto fino alla fine dei suoi giorni.

    Grazie mille.
  • Simone Scienza il 26/01/2012 21:49
    Come l'ali di farfalla
    solo qualche tocco battito
    e tutto rimane ricordo dell'attimo

    La trattengo... Bravo!
  • STEFANO ROSSI il 26/01/2012 15:06
    Grazie Mary, più o meno ha indovinato
  • mariateresa morry il 26/01/2012 14:41
    Mi piace pensare alle farfalle di Rossi come cose belle e pulite cui lo stesso alla fine anela.., cariche positive, entusiasmo che forse l'autore sente lontani, teme di aver smarrito, sa che gli sono necessarie per vivere e le invoca!
  • STEFANO ROSSI il 24/01/2012 21:01
    Grazie Leo
  • Anonimo il 24/01/2012 19:36
    piena di emotività e malinconia.

    a viver senza di voi
    Ahimè

    mie care farfalle,
    proprio non ci riesco.
  • STEFANO ROSSI il 24/01/2012 17:56
    grazie mille Alessandro
  • Alessandro il 24/01/2012 17:41
    Le nostre farfalle, che ci conoscono a fondo, volate via, scacciate da giorni d'ira e poi invocate... ottima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0