accedi   |   crea nuovo account

Amore

Amore... sei stato un'aureola scura nella mia vita,
sei stato un insieme di venti scomposti
in una notte oscura.

Sono io che mi sono illusa
che col tempo tutto cambiasse
invece mi son trovata
in una bufera mai placata.

Tu per me sei stato il boato,
il trillo beato che m'ha affascinato
fino a farmi tremare le vene
a irretirmi l'anima e il cuore
che mi ha scavato fino al midollo
lasciandomi esausta e priva di forze
senza poter più reagire al disinganno
che m'hai regalato
mio dolce amato.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 27/01/2012 08:51
    Mi piacciono le poesie di Grazia, hanno stile, armonia (cosa ormai rara nella gran parte dei poeti giovania). Questa poesia, come altre della sua produzione, ha il pregio della sintesi di un'intera esistenza, evidenzia i prgetti giovanili ed il loro lento trasformarsi in concretezza, in emozioni
    "Tu per me sei stato il boato, il trillo beato che m'ha affascinato", per arrivare ad un età; quella dell'equilibrio e della serenità in cui gli affetti si giudicano ad occhi aperti:
    "senza poter più reagire al disinganno
    che m'hai regalato
    mio dolce amato".
    C'è tutta la malinconia e la consapevolezza di una vita vissuta in maniera piena.

1 commenti:

  • Grazia Denaro il 27/01/2012 10:23
    Grazie sono lieta del commento positivo Salvatore. Buona giornata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0