PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come è norma del bruco

Aspra l'altura
perfetta congiura
pesi enormi ghigni abnormi
una sadica morra
tanti troppi a metter zavorra
mentre respiro a cambiar forma
come del baco la norma,
in quanto creta
non bramo meta
filo sol i giorni
curando i contorni
che speranza in cruna d'ago paziente adorni.

 

2
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 27/01/2012 00:03
    Stoò per esser preso da una sorta di Scienza dipendenza, se osso fare una piccola osservazione, nella suprema padronanza del tuo linguaggio, che invidio e apprezzo con il cuore, talvolta, come perso in un gioco di rime barocche, giustamente, per tua espressione vitale, non riesco per carenza neuronale ad apprezzare appieno il senso di ciò che scrivi. Grande!

3 commenti:

  • Hila Moon il 26/01/2012 09:54
    Sei un'artista Simo non c'è che dire! Giochi con le parole meravigliosamente! Piaciuta molto
  • - Giama - il 26/01/2012 08:46
    speranza in cruna d'ago paziente adorni...
    scusa il commento telegrafico, ma il lavoro chiama...
    grandissimo fratellino!
    ciaooo
  • Alessandro il 26/01/2012 00:37
    Introspezione elaborata, un percorso spirituale in cui "non brami meta" ma ti limiti a "filare i giorni". Davvero speciale.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0