username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Ragazzina

Ragazzina,
avevi un viso bambino,
le gote rosse come ciliegie.
correvi felice su un campo
inseguendo farfalle,
avvertendo l'effluvio di fiori multicolori.
Come ladri,
han rubato
la tua innocenza
infiltrandosi
nella tua mente,
dentro il tuo corpo.
Le loro risa eccitate
di uomini duri
ti han lacerato l'anima
e occultavi la vergogna
arginando gli occhi
umidi di pianto
aspettando
che il turpe gioco finisse.

 

3
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Auro Lezzi il 26/01/2012 18:37
    Una poesia da leggere,, Un argomento turpe e difficile trattato con delicatezza ma molta forza... Benvenuta Concettina.

5 commenti:

  • giorgio giorgi il 10/03/2013 20:27
    Le immagini della tua poesia entrano nella mente del lettore per condannare e destare orrore per questi turpi gesti.
  • Anonimo il 27/01/2012 14:56
    dolorosa... tema profondo ma ben trattato con i tuoi bellissimi versi...
  • karen tognini il 27/01/2012 12:07
    Struggente quanto dolorosa... ben scritta!!!
    brava!!!
  • concetta il 26/01/2012 18:40
    grazie
  • Alessandro il 26/01/2012 17:50
    Tematica pesante, ma ben trattata... e possano marcire i ladri d'innocenza. Apprezzata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0