PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non voglio soggiacere al tuo volere

Questo terreno arido
e pieno di pietre
che impedisce il mio cammino,
sterpi graffiano le mie gambe
dandomi bruciore,
ma non distinguo da dove
viene il dolore
perchè il mio cuore
e straziato da mani crudeli
che affondano nella mia carne
unghie puntite
che fanno scorrere
il mio sangue e la mia linfa
fuori da questo cuore
rendendomi inerte e sfinita.

A questa vita più non reggo!

Non voglo soggiacere
né alle tue angherie
né al tuo maligno fiele
che imponi con cipiglio di comando
su cose che non vanno.

Non ti rendi conto che ormai è finita,
voglio scaricare la zavorra
che m'inchioda e mi costringe
ad accettare questa vita.
Una vita non degna d'esser vissuta
a fianco d'un essere dispotico e malvagio
che mette piombo a tutte le mie richieste
di cambiar comportamento,
ma fa spallucce e va avanti come sempre.

Ho preso la risoluzione
di troncare questa relazione
che mi porta all'alienazione.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Grazia Denaro il 28/01/2012 23:01
    Grazie Alessandro.
  • Alessandro il 28/01/2012 00:23
    Il coraggio di troncare una relazione distruttiva... piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0