accedi   |   crea nuovo account

Leggendo PoesieRacconti

E non c'è niente da fare:
è il dolore
la sofferenza
a far da levatrice
alla vera Poesia.
Che ogni tanto stroppi
o sia stucchevole
è anche vero
ma se riesce
a non essere banale
e apprezzata da qualcuno
di cui abbiamo stima,
allora ci libera anche
da un po' del nostro male.

 

l'autore mauri huis ha riportato queste note sull'opera

leggendo una poesia di Vilma


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 29/01/2012 22:46
    La riflessione che non fa una grinza ma solo una piccola piccola, mi porta a dare una stirata. Poesia è il nostro sentire. Il nostro sentire cambia istante per istante, dal più triste al più allegro. La poesia è l'istante, la scintilla, che riportiamo in ciò che proviamo a rimare.
  • STEFANO ROSSI il 27/01/2012 22:49
    E che dire! hai ragione perfettamente, ma non importa se sei banale oppure no ognuno vedo il mondo a modo suo. bravissimo e geniale nel dire che la sofferenza e il dolore fanno scrivere poesia...
  • senzamaninbicicletta il 27/01/2012 09:28
    è importante che la poesia arrivi al lettore, che trasmetta qualcosa dei sentimenti del poeta. Hai ragione affermando che siano dolore e sofferenza a crescere la poesia. Moltissimi poeti iniziano così (me compreso)poi si cambia, almeno ce lo si augura, lavorando molto sull'originalità. Un bel pensiero.

13 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 28/01/2012 19:35
    Ispirazione pura da altri versi di poesia!
  • Grazia Denaro il 28/01/2012 11:00
    La poesia può sgorgare dal cuore sia che tu sia felice oppure che tu sia triste, è l'anima in quei momenti che porta l'ispirazione all'intelletto, che trasmette i sentimenti che vagano nel nostro ego.
  • Vincenzo Capitanucci il 28/01/2012 05:05
    Molto bella Maurihuis.. penso che sia a metà strada... completamente disperati (senza speranza)... o completamente gioiosi (realizzati)... non si scriva più...

    la Poesia è un ponte di parole che lanciamo verso l'infinito di noi stessi... e degli Altri... che poi in fondo siamo Uno...
  • Alessandro il 28/01/2012 00:33
    Sofferenza levatrice di poesia... metafora azzeccata.
  • mauri huis il 27/01/2012 19:16
    Sono stranamente d'accordo con tutti. Che abbia sbagliato qualcosa?
  • - Giama - il 27/01/2012 14:09
    nei periodi di sofferenza non sono mai riuscito a scrivere, perchè il dolore emerge ancora più forte quando è il cuore che scrive...
    solo dopo le avversità sono riuscito a cogliere l'amaro frutto dei patimenti provati...

    mi piace molto quando dici ma se riesce a essere apprezzata da qualcuno di cui abbiamo stima, allora ci libera anche da un po' del nostro male

    racchiude il senso di molte poesie che lasciamo sul sito...


    Bravo Maurì

    p. s: hai scelto uno pseudonimo più difficile di quello di senzamaninbicicletta...
    ciaooo
  • Vilma il 27/01/2012 14:06
    Ho notato che hai letto diverse mie poesie e non so quale ti abbia colpito di più... ma leggere questa nota mi ha commossa...
    Io scrivo con il cuore... sempre e comunque, che sia dolore o gioia, scrivo per esprimere le mie emozioni... e se riesco ad arrivare al cuore del lettore, allora si che ho scritto una poesia.
    Grazie ancora di tutto
  • Ezio Grieco il 27/01/2012 12:29
    .. vero, vero, vero; poi, al fruitore l'ultima... analisi.
    .. a me è piaciuta..
    cl
  • mariateresa morry il 27/01/2012 09:46
    Sono d'accordo con Senzamani... e anche con la poesia-osservazione di Maurizio... si può partire da uno stato personale di sofferenza, di afflizione, ma la poesia diventa tale quando assume un aspetto di universalità, perchè coinvolge e colpisce anche gli altri. La poesia a mio parere, per essere tale, non deve essere un avvitamento su se stessi.
    Inoltre un poeta deve saper raggiungere anche l'armonia del suo dire, tra sè e l'esterno. La poesia è una voce al mondo e sul mondo!!!
  • Anna Rossi il 27/01/2012 09:41
    hai ragione, la poesia può assumere una forma di.. condivisione catartica delle nostre più profonde emozioni. l'importante, credo, sia non scadere nel banale, omologato, globalizzato pensiero che va tanto di moda. ottima riflessione maurihus!
  • Anonimo il 27/01/2012 09:24
    vero, tutto vero... verissimo
  • stella luce il 27/01/2012 09:20
    esatto!!!! Peccato che spesso le cose più bella ci escano quando siamo in pena... come mi disse un giorno un amico di questo sito... quando sono felice non sono davanti ad un pc ma corro fuori a gridarlo a tutti e soprattutto a vivere... anche se come gli ho detto io non sembre quando uno svanisce significa che stia bene anzi spesso il contrario.. in ogni caso la Poesia salva spesso le nostre anime sia nella gioia che nel dolore e leggerla è, almeno per me, una grande gioia... e qui ne trovo tanta!!!!!
  • gina il 27/01/2012 09:13
    Un dolore condiviso è un dolore dimezzato... la poesia permette di esprimere i pesi del cuore, ma anche le sue gioie... una gioia condivisa è una gioia raddoppiata..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0