accedi   |   crea nuovo account

Destino

Riportami a casa
per una delle mille strade
che portano alla Chiesa bianca di calce
e l'abside che accolse il suo candore
cinta, d'acciottolato di frangenti aspersi
dai Ligustici marosi
asciugati, da un impertinente Maestrale
cotti, dal salmastro di giornate leonine
e speranze, vane
l'afelio vitae mio, insegue il ritorno
è finito il tempo della fortuna
lo sò
no, non è colpa tua
ma riportami a casa
questa neve non è eterna
bucaneve e merli me l'han detto
al primo sbiadir della notte
lo sò, la lettera è ingiallita
con parole sbiadite, forse pioggia o lacrime
oppure, ha troppe stagioni il suo ricordo
ti capisco, ma
riportami a casa
Destino

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • ignazio de michele il 05/02/2012 12:23
    grazie Carla, sempre gentile
  • Anonimo il 05/02/2012 11:29
    il destino ci riserva a volte sorprese a noi non gradiite... bella questa lirica... che è un ritornare indietro nel tempo, quasi una richiesta d'aiuto alla quale nessuno risponderà... grande lirica grande poeta... ti abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0