accedi   |   crea nuovo account

Sclerosi multipla

Pensate che mi prostrerò
all'insano pensiero
di ricamare sul vostro tradirmi
una nenia odorante di maledizione?
Credete
di aver suonato per me quel mattino
il rintocco
conclusivo e velenoso dell'esistere,
riducendomi a spettatore abulico
di corse e camminate altrui?
Davvero. gambe infedeli,
vi persuase il destino
che da quando più mie davvero non foste
avrei dovuto cenare soltanto
con minestre di gemiti e rimpianti? v
Ma vi è un segreto
che il cuore mi ha insegnato a coltivare,
e su cui mai potrete appoggiare,
le vostre unghie di ignobile inerzia;
quella carrozzella
sì, proprio quell'incrocio di acciaio,
che pensavate di offrirmi
come inevadibile ragnatela,
è diventata la mia ascensore
per raggiungere l'essenza del vero volo,
sono ciò che mai potrete essere,
pensiero in un pensiero più grande
rombo di poesie
incastrate nelle mie distrazioni quotidiane,
che ora mi hanno rivelato
di esserci per me
e per saper stracciare
dalla lavagna immacolata del mio domani,
il male che credeste di arrecarmi.
Ho in me
la sagoma dorata di un mare di marzapane
in cui non vi concederò
di nuotare con il vostro sbeffeggiarmi.
Sono i passi del mio capirmi autentico,
che non meritate di percorrere.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 28/01/2012 17:46
    Fa pensare ad una Rosa che è rosa dal male..

    ... pensavate di offrirmi
    come inevadibile ragnatela,
    è diventata la mia ascensore
    per raggiungere l'essenza del vero...

    Splendida Cristiano... come il Tuo commento...

    vorrei avere... una miriade di vite solo da donare a chi le ha ingiustamente e prematuramente perse
  • cristiano comelli il 28/01/2012 14:19
    Grazie di cuore, Karen, troppo buona, è che io sono uno che vorrebbe prendersi sulle spalle le sofferenze del mondo intero. A volte penso a quanto sarebbe bello se avessi a disposizione una miriade di vite solo da donare a chi le ha ingiustamente e prematuramente perse, solo per riportarlo al mondo. Anche senza di me, non mi interessa, a me basta che siano felici gli altri e lo sono anch'io. Cordialità.
  • karen tognini il 28/01/2012 08:03
    Cristiano.. ennesimo capolavoro trattato come solo tu sai fare...

    una malattia terribile...
  • loretta margherita citarei il 27/01/2012 20:34
    una brutta malattia, molto intensa, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0