accedi   |   crea nuovo account

L'abitudine

Stazione centrale,
l'aria d'indifferenza
punge ai sensi più
del lezzo di piscia
sui marciapiedi.
Distinti signori distratti
v'imbattete nella grigia
realtà che voi stessi
dipingete con la vostra
omertà.

 

2
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • cristiano comelli il 28/01/2012 21:13
    A questa poesia non aggiungerò una parola di commento perchè le è uscita perfetta. Mi limito a esprimere apprezzamento e condivisione per questa sua descrizione così drammaticamente nitida della realtà della stazione centrale. Cordialità.

1 commenti:

  • Alessandro il 28/01/2012 15:34
    Critica sociale molto mordace e originale. Complimenti, anche per l'atmosfera di urbano degrado che sei riuscito a creare in pochi versi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0