PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Un treno elettrico in lacrime di luna e voci di sole

Sorridono
i Tuoi volti

alla luna

passeggeri alla ribalta
crescenti
decrescenti

ogni giorno diversi

nei piedi del mattino
sfrecciano locomotive
di folli motivi

fioccando grigiori sui meriggi
di un orologio perduto dal treno della vita nelle sue ore miraggio

le nostre voci
ricuciono i fili elettrici d'argenti spezzati in raggi

piccole benedizioni
in acque di sole

smuovendo i paesaggi del nostro essere dai luoghi comuni

versano
parole d'Amore

sul retro di una notte ancora presente dagli occhi incupiti

due linee binarie ruotanti all'infinito su un solo straordinario vagone

ripartono in viaggio

girando
armoniosamente

una

sull'altra

 

4
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • karen tognini il 29/01/2012 09:17
    Ogni giono ognuno di noi ha mille volti diversi.. quando allegri e pieni d'amore... quando consapevoli di come è la vita...
    ma quando c'è l'amore tutto riconduce al sole.. al suo calore -... alla sua energia... le nostre voci
    ricuciono i fili elettrici d'argenti spezzati in raggi

    piccole benedizioni
    in acque di sole

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 29/01/2012 16:24
    piaciutissima incantevole
  • - Giama - il 29/01/2012 10:05
    Trovo questo passaggio geniale e unico:

    le nostri voci... smuovono i paesaggi del nostro essere dai luoghi comuni...

    grandissimo Vincenzo!
    Buona Domenica!
  • karen tognini il 29/01/2012 08:10
    Splendido viaggio Vince...
    Troppo bella... divino Vi...
  • Ada Piras il 29/01/2012 07:53
    le nostre voci/ricuciono in fili d'argento spezzanti in raggi... parole d'amore... vagone di emozioni... Bellissima Vincenzo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0