PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Autunno

Effluvi d'essenze speciali
olezzano le nari,
odori conosciuti che il bosco dà
nell'autunno imminente,
tappeti di foglie ingiallite
coprono la terra.

Odore di mosto per le strade
dei paesi rurali,
i contadini preparano
il terreno alacremente per la semina.
Senso di pace, di quiete
nella campagna silente.

La natura s'è trasformata,
di rosso e giallo s'è rivestita.
Ha lasciato i colori festosi dell'estate
per quelli più caldi e sfumati dell'autunno.
Castagni giganti con i loro carichi rami
si piegano al vento
lasciando cadere i loro ricci
che si aprono come scrigni
e lasciano fuoriuscire i loro frutti maturi.


L'aria fresca sfiora la pelle del viso
carezzandolo ora dolcemente,
ora più sferzante.

Nell'aria si sente odore di fumo,
s'accendono i primi camini,
la gente cerca il caldo tepore
nell'intimità della propria casa,
il caldo tepore che scalda il corpo
e il cuore della gente.
Ci saranno ancora calde giornate...
ma, è passata l'estate.

 

3
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • salvatore maurici il 03/03/2012 15:51
    Con l'Autunno alle spalle, ricordarcelo con i versi di Grazia questa stagione crepuscolare, ha il sapore dei ricordi ormai sedimentati nella memoria lunga. Ccosì si mescolano "Odore di mosto per le strade/dei paesi rurali", a quello del fumo dei camini(quello buono che viene prodotto dalla legna bruciata) a quello del pane caldo all'odore della terra bagnata e delle foglie che marciscono nei boschi. Bella poesia e belle immagini. Poesia del ricordo e del rimpianto.

6 commenti:

  • Grazia Denaro il 29/01/2012 22:25
    Grazie del tuo commento Ettore Vita, mi ha fatto molto piacere.
  • Ettore Vita il 29/01/2012 22:01
    Una poesia dall'incedere quieto, che ci conduce dolcemente nell'autunno.
    L'arroganza e i tani forti dell'estate lasciano spazio ai colori smorti dell'autunno.
    Si avverte un ripiegarsi su se stessi delle cose, come i rami delle castagne. Un ritorno alla terra e alla piccole cose intime del vivere quieto di un mondo immerso nella natura, quasi un mondo contadino.
    Nostagia e pace, intimità di affetti; questi sono i sentimenti che mi suscitano questi versi semplici e puliti come l'insieme che descrivono.
  • Grazia Denaro il 29/01/2012 21:49
    Grazie dei vostri commenti, mi hanno fatto molto piacere.
  • Salvatore Maucieri il 29/01/2012 20:09
    Bella lirica. Opera ottimamente stilata. Complimenti.
  • Anonimo il 29/01/2012 19:59
    Bella descrizione dell'autunno... e spero che passi presto l'inverno. Brava!
  • Anonimo il 29/01/2012 19:52
    Bella esposizione... coinvolgente... brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0