accedi   |   crea nuovo account

Sarai

17 gennaioRiccardo Mazzone
Troverai una pistola in un cassetto
Troverai una nave in un porto
Troverai...
Cerca incessante tra le rovinene del tuo tempio
Alza la testa fino a sbatterla rovinosamente
Taglia le erbacce cresciute nel tuo cuore
Troverai una strada che si dirama
Una cagna incinta senza un occhio partorirà i suoi cuccioli su questo incrocio
Tu e la tua prosa vomiterete poesia per disperazione
Sarà il momento più difficile
Sarà l'attimo che ricorderai tra trentanni
Sarai uno di quei cuccioli
Sarai allattato da sei tette e berrai fino a vomitare versi
Sarai una lacrima salata come il lago aral
Sarai verità che sanguina
Sarai un guscio pieno di vita
Sarai e quindi vivrai
Prova a sconfiggerti e sarai

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • andrea il 15/02/2012 09:55
    caro mazzone,
    riccardo di nome
    tu che di pancreas. srl eri l'anfitrione,
    a scriver poesiole a quanto pare ti diletti,
    spiraglio di luce tra i tuoi mille difetti.

    Dimentico forse dei tuoi doveri legali
    hai scambiato i nostri soldi per sonanti regali.
    Cinquecento persone hai lasciato all'asciutto
    che in coro ti dicono "sei un gran farbutto!"

    i nostri sogni hai calpestato sprezzante
    raccontando balle come provetto teatrante

    alla legge del karma non scappi lontano
    ma se scappi da lei sarà quella dell'uomo a tenerti la mano.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0