accedi   |   crea nuovo account

La trasparenza

È il nulla che alla vista si frappone
e c'è se sai che non la puoi guardare.
Ciò che rende fidate le persone,
quelle su cui tu sai che puoi contare.

La puoi trovar negli occhi di un bambino,
come nell'aria tersa di montagna.
In uno sguardo puro e cristallino,
nell'acqua di un ruscello che ti bagna

È tipica dell'animo sincero
di chi lascia sia messo in evidenza
ciò che lui percepisce come vero,
degno della totale trasparenza.

Ma senza fare alcuna selezione
grave danno può far la verità.
Anche se giusta era l'intenzione
talvolta è meglio un po' d'opacità.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Giuseppe ABBAMONTE il 04/02/2012 10:07
    Salve Ugo
    in effetti più che essere disposto ad accettarla, penso che un minimo di opacità sia talvolta opportuna se non necessaria.
    Non è bello e forse è anche un po'cinico, ma è realistico.
    E allora, meglio dirlo in versi per dare un po' di musicalità ad un concetto un po' crudo.
    Grazie delle tue belle parole, Ugo e a presto rileggerci
    Giuseppe
  • Ugo Mastrogiovanni il 02/02/2012 11:27
    La trasparenza dipendente dalla natura e dallo spessore dei corpi e in fisica è il rapporto tra l'intensità della radiazione che li attraversa e quella totale dal quale i corpi sono investiti. Giuseppe Abbamonte, che bellamente riesce a farne poesia, dà alla trasparenza un valore umano; ne fa fede, innocenza di bambino, acqua cristallina e ci crede, ma se non dimentica la nostra naturale imperfezione e sembrerebbe disposto ad accettare anche una lieve opacità.
  • Giuseppe ABBAMONTE il 31/01/2012 13:00
    Carissimo
    si tratta comunque di una breve composizione, che rientra nei miei soliti schemi.
    La prima strofa per introdurre il concetto, la seconda per espanderlo e, se possibile, completarlo, la terza é preliminare alla chiusa che poi costituisce la quarta strofa.
    È normale che alcuni versi siano più musicali e meglio riusciti di altri. E mi piace molto l'esercizio che facciamo spesso con te di cercare la strofa o il verso preferito.
    Anche in questo caso mi pare tu li abbia evidenziati senza alcuna ambiguità. E stavolta concordo pienamente con il tuo giudizio.
    Un caro abbraccio
    Giuseppe
  • Nicola Saracino il 31/01/2012 12:08
    Caro Giuseppe, i primi due versi sono alta poesia e l'ultima quartina è profonda verità. In mezzo, il tempo e il ritmo per prendere respiro... Nicola
  • loretta margherita citarei il 30/01/2012 17:40
    è sempre un piacere leggerti
  • ELISA DURANTE il 30/01/2012 16:09
    Rime inpeccabili con ottimo contenuto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0