PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vigliacco vigliacco vigliacco

sul piedistallo della calunnia
senza alcuna dignità o rispetto
sospetti spaventati personaggi
s'accalcano per salirvi in salvo
urlando ferocemente in coro
note stonate da trombe bibliche

follia, anzi no, abbietto stoicismo
nella paura di perdere il potere
il braccio armato
su camionette d'ingiustizia
protegge il vizio e la cecità indotta

l'Etica è diffamata da slogan vetusti

frenesia e primordiale adrenalina
rabbia che sostiene ragione di violenza
e verità manipolate da inetti giocolieri

arroganza presunzione prevaricazione
mille anni di niente in comizi muti
l'abuso medievale nega il futuro alla Vita

 

l'autore senzamaninbicicletta ha riportato queste note sull'opera

"vigliacco vigliacco vigliacco" così l'on. larussa apostrofò il 16/12/10 uno studente di scienze politiche della sapienza di roma che sosteneva le ragioni del movimento studentesco contro i tagli


3
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Cinzia Gargiulo il 30/01/2012 20:41
    Poesia di protesta che usa un linguaggio adatto ad esprimere sdegno verso una situazione politica non condivisa.
    Interessante il contenuto e curata la forma.
    Apprezzata.
  • Auro Lezzi il 30/01/2012 17:58
    Una sacrosanta denuncia... Ti sei tenuto anche troppo leggero.

6 commenti:

  • loretta margherita citarei il 30/01/2012 20:33
    molto bella, ma amico mio quello che dice larussa per me non fa testo, ed ancora non mi capacito come simili elementi siano stati al governo, i tagli alle scuole ed uno scandaloso bonus di 600000 euro per pagare le tate ai figli dei generali,, ho una forte avversione verso tutti i policanti, sopratutto verso i fascitoidi
  • mauri huis il 30/01/2012 18:27
    Mitragliata ad altezza d'uomo, indignata e molto raffinata, come tuo solito. Giustificata, certo, ma un po' troppo difficile per me (e sopratutto per La Russa, eh eh... )
  • mariateresa morry il 30/01/2012 18:11
    Cara Anna, perchè mettere tutti nello stesso sacco? Personalmente io nn sono una vigliacca nel senso da te detto... a volte per recriminare un proprio atteggiamento si tira in ballo il " noi" e non va sempre bene...
  • mariateresa morry il 30/01/2012 17:56
    Capisco lo sdegno.. credo anche che certi personaggi si siano ficcati a forza in abiti presentabili, perchè temo che sotto i panni borghesi d'alta sartoria, s'agiti ancora la camicia nera. E non potendo esibire quella, usano un linguaggio brutale e presuntuoso... i versi sono adeguati allo sdegno... bravo!
  • Anna Rossi il 30/01/2012 17:56
    ma quando ci alzeremo, tutti i vigliacchi, per andare a scollare il sedere dalle loro poltrone? mi piace sopratutto l'ultima frase. il tutto ben scritto, molto incisivo in questo momento in cui si sente il bisogno di esprimere una ribellione totale. ma quando?..
  • Alessandro il 30/01/2012 17:46
    L'etica messa da parte, o sfruttata dagli slogan... se solo noi, pecoroni, ci svegliassimo una volta per tutte... molto significativa.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0