accedi   |   crea nuovo account

A Fabrizio De Andrè

Signore,
in quella Genova che a me si offrì
culla argentata del mio vagire
profumato di scogli e salsedine,
scoprii che le stelle
altro non sono
che un diadema di scalpitanti chitarre,
da suonare per scaldare il cuore
della povera gente,
di tutti coloro su cui il destino
volle scolpirsi con il suo volto indifferente;
no, padre,
la mia vita più dolce sarà
dello zucchero a cui consacrasti
la tua sana, fiera imprenditorialità,
la lanterna parlò
con la parte più profonda del mio sguardo
in una notte di cui non ricordo il nome,
e mi mise sul cuscino
il luccicare acerbo ma seducente
di una nenia d'avorio:
"Fabrizio, vieni con me,
ti saprò insegnare,
che l'essenza del tuo donarti
a questa traballante esistenza,
è racchiusa nelle dita del tuo suonare,
e nel ribollire del tuo cantare";
ciao, finestra della mia stanza di fanciullo
ora comprendo
che quel tuo intarsio di comete,
erano fasci di brani
da rinchiudere in un orgoglioso spartito,
mai saprò dalle mani di quale astro,
il cielo vide dipingere Marinella,
tu sola conosci quella nuvola,
che prese per il cuore Piero,
e lo portò tra le labbra dell'eternità,
dalla solitudine di un campo di grano;
ho rivisto intatto e immacolato,
sai,
il sorriso del mio amico Luigi,
calore ineffabile
di una "Preghiera in gennaio";
proteggi, Signore, te ne prego
l'anima indomita dei pescatori
che portano con sè
la sinfonia del mare
che loro soltanto sanno decifrare
nell'inviolabilità di sorridenti abissi,
in quelle umili creuza de ma';

12

5
7 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Salvatore Masullo il 09/01/2013 19:51
    Poesia che scalda il cuore, con apprezzabili riferimenti alle canzoni del grande cantante. Bella la chiusa sui pescatori portatori di sinfonie marine provenienti dagli abissi marini.
  • Marco Ambrosini il 31/01/2012 14:48
    senza parole è davvero stupenda.. :')

7 commenti:

  • cristiano comelli il 31/01/2012 21:16
    Di nuovo grazie a tutti coloro che hanno soffermato la loro atteznione su questo omaggio al mitico Fabrizio, poeta della gente che seppe e sa farsi amare per la dolcezza delle sue parole e della sua musica. Mi piace pensare che la sua poesia regni eterna sulla pelle di quel mare sconfinato di cui fu figlio. Cordialità a tutti.
  • karen tognini il 31/01/2012 17:42
    Sei davvero strepitoso Cristiano... omaggio ad uno dei poeti cantautori più bravi dei nostri tempi...
    complimenti..è un piacere leggerti...
  • senzamaninbicicletta il 31/01/2012 17:07
    davvero bella, profonda, significativa, espressiva. Belle le immagini pittoresche e quelle metaforiche. Splendida la dedica. Poesia di altissimo livello
  • cristiano comelli il 31/01/2012 07:04
    Grazie carissimi, il merito è tutto di Fabrizio, di come è stato, di come continua a essere nei cuori di chi lo ha amato e tuttora lo ama. Cordialità.
  • Vincenzo Capitanucci il 31/01/2012 06:56
    All'ombra dell'ultimo sole... si era assopito il Pescatore... aveva un solco lungo viso... sembrava una specie di Sorriso...

    nell'inviolabilità di sorridenti abissi... che le mie canzoni possano essere per voi
    il magico rivelarsi di un violino
    nel quale si nasconde
    il sorriso leggiadro di ogni bambino.

    Splendida Cristiano... Fabrizio e Georges Brassens... sono stati i Poeti della mia gioventù...

    Grazie Cristiano... un'opera splendida...
  • loretta margherita citarei il 31/01/2012 06:18
    un capolavoro di poesia, ha descritto la vita di faber, la sua giovinezza l'amicizia con Tenco, l'amore x la GHEZZI, le sua meravigliose prime ballate, Marinella, bocca di rosa etc, canzoni eterne entrate nella leggenda, complimenti signor Comelli!
  • Anna Rossi il 30/01/2012 23:44
    bellissima, bellissima, bellissima!. io che adoro Faber..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0