accedi   |   crea nuovo account

Lo dico a me stesso, e qualcuno mi somiglia

Grana Padana
di origini sconosciute
anzi ben conosciute

nelle stanze degli idioti
al potere. Senza freni
oltre il deraglio

impegnati a continuare
a spremerci, e a difendersi
dai vampiri, con l'aglio.

Ma arriveremo al loro collo
e sarà il totale tracollo
e la colpa è anche nostra

massa indifferente e deficente
reticente, che il coraggioso
muore ogni giorno,

sparisce, non c'e' più,
e dir che con amor
lui si ritroverà sì

nel mondo parallelo
che può essere anche
un luogo qui, da qualche parte.

Meno male.
Segreto il suo posto
senza guardie del corpo

ci osserva e soffre
con empatica umanità
che, come automi,
non meritiamo.

 

4
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0