accedi   |   crea nuovo account

L'avvento d'una nuova vita

Nel talamo disfatto
ormai trasformato in giaciglio,
la donna geme, suda;
è inzuppata di liquidi corporei
che invece d'una catarsi
stanno trasformandosi
in un veleno micidiale
stagnante e maleodorante.

Ogni cosa al mondo è sofferenza,
ma questo dolore è insopportabile
secca la bocca, fa salire su la bile,
crea paura e affanno...
sarà un'incognita fino all'ultimo momento.


Nella stanza tutto tace,
solo di tanto in tanto
un urlo disumano
rompe la silente aria immota.
Passa il tempo...
e dopo tanto patire
un forte urlo lacera l'aria...
ed ecco sentirsi il vagito benefico
e benedetto di colui che fino a poc'anzi
era imprigionato nel ventre sofferente
che ha tanto lottato e patito
per liberarlo.

Pochi minuti son passati
tutto il dolore è dimenticato
la gioia e la felicità
si sentono palpabili nell'aria:--
--Una nuova vita è venuta al mondo
portando felicità e amore
a coloro che sull'avvento
hanno sofferto e trepidato.

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 05/01/2013 15:49
    Beh, direi che il dolore del parto non viene dimenticato, questa è una dolce bugia... Molto bella perché racconta la Vita Vera. Io invece ho scritto di bimbi non nati, bimbi rifiutati, in un diario di un a. Vieni a leggermi.

6 commenti:

  • Grazia Denaro il 03/02/2012 10:58
    Grazie del tuo illuminato intervento Morry!
  • mariateresa morry il 03/02/2012 09:18
    Sinceramente questa non è una lirica, ma una prosa leggermente poetica, anche il ritmo che in una poesia ci deve essere pur non essendo in rima, non è adeguato. Suggerirei all'autrice di lasciare parole un po' antiche, riportarsi ad un linguaggio più moderno e immediato, meno studiato e abbandonare anche la " maniera".. lavorando su una poetica più moderna i risultati li avrà sicuramente.
  • Grazia Denaro il 02/02/2012 22:50
    Grazie Carla, penso che noi donne possiamo esserene testimoni in prima persona. Grazie un abbraccio.
  • Anonimo il 02/02/2012 20:50
    vero o grazia è propriocosì, tutta la sofferenza viene superata nel momento in cui gli occhi tuo figlio incontrano i tuoi...
    complimenti bella lirica
  • Grazia Denaro il 01/02/2012 16:36
    Grazie Alessandro.
  • Alessandro il 01/02/2012 15:53
    Il dolore del parto, terribile prova, che infine viene soppiantato dall'affetto per una nuova vita. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0