username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Assolo senza accordo

Strumento che non s'accorda
nasce e muore battendo i secondi
timido e randagio
tra nostalgia e malinconia.

Echeggia nella città di pietra
dove la nausea inghiotte
con indifferenza
cordiali rughe di sorrisi

Eppure l'alba ancora incendia
con lucido scarlatto il cielo
e lascia bave d'oro
sul gelo delle cose
tra gli orli delle case

Gioco proibito in un assolo
che ridipinge le crepe
d'uno strumento antico che si chiama cuore

 

5
8 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Sergio Basciu il 11/02/2014 06:38
    Bella dedica al cuore,... alla vita nei suoi lati sgradevoli, nausea, indifferenza, in quelli gradevoli, albe e bave d'oro,... mi piace...

8 commenti:

  • Hila Moon il 02/02/2012 09:23
    Bellissime immagini in questa tua poesia! piaciuta molto
  • Ettore Vita il 01/02/2012 21:39
    Complimenti. Bella l'immagine evocativa della città di pietre.
    A quanto la città degli uomini?
  • Salvatore Maucieri il 01/02/2012 20:44
    Bello questo tuo "Assolo". Poesia molto piaciuta. Brava. Ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
  • Vincenzo Capitanucci il 01/02/2012 20:09
    Splendida Rudenz.. uno strumento difficile da accordare... nella città di pietra... ma ridipingendo le crepe... lascia bave d'oro...
  • Nicola Lo Conte il 01/02/2012 19:45
    Bella, con immagini efficaci e raffinate...
  • mauri huis il 01/02/2012 19:02
    Prelibatezza. Non mi viene altro.
  • Alessandro il 01/02/2012 17:21
    L'assolo del cuore, uno strumento antico che a volte non s'accorda. Metafora stupenda
  • mariateresa morry il 01/02/2012 17:20
    Questa è una lirica vera, questa è vera poesia... molto brava, veramente!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0