accedi   |   crea nuovo account

Il cielo

A volte il cielo sembra un bambino che sogna
gioca con le nuvole barche in mezzo al mare
fino alla sera avvolto da mamma notte
in una trapunta di stelle
si sveglia con le gote rosse
e corre incontro al sole per disegnare
voli con matite colorate
tracciare la linea all'orizzonte
rovescia secchielli d'acqua
e tinte di arcobaleno
adolescente e bizzarro
quando cambia d'umore
volubile si lascia facilmente influenzare
ascolta il vento come fosse una canzone
osserva il mondo e vorrebbe scappare
certe volte corre incontro alla sera
senza colore sempre indaffarato
non si accorge di chi sta sotto di lui
ha fretta di chiudere il giorno
e poi piange per le occasioni
che ha perso
un sorriso non regalato
altre sere si ferma davanti a un tramonto
a ricordare
non lo capisco il cielo
diventa un muro e non guarda in faccia il mondo
sembra quasi che lo voglia odiare
scuro e livido sputa su di
lui tutto il suo rancore
urla rissoso
se la prende con gli alberi e le cose
che muti restano a guardare
si allea con il vento che diventa violento
lacrime si infrangono come bombe
quasi a voler cancellare la terra
forse è questo il suo modo
di ribellarsi all'uomo
vittima della sua guerra

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Floriano Crescitelli il 25/01/2015 15:26
    Il cielo fonte di vita e di sogno anche in poesia.

1 commenti:

  • Anna il 04/05/2012 14:48
    Bellissima Laura, questa poesia sul cielo, noi siamo sotto di lui ma spesso non ce ne curiamo; bisogna dargli importanza e imparare a guardarlo più spesso. Brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0