PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Museo dell'orrore

Ho sognato
uno strano museo
che ti prende

dal dolore che provi.
La prima stanza
gli impressionisti

chiacchierano tra loro
ti guardano entrare
e cominciano a lanciarti

addosso, le loro opere.
Compiute o da finire,
con i pennelli, con le cornici.

La seconda stanza, già stremato
l'affronti di corsa sperando
di trovare pace e invece

ecco che subito il Rubens
ti spacca sulla testa
un quadro suo che non gli è mai piaciuto.

Cerchi il telefonino
per chiamare il centodiciotto
e passi nella terza sala.

Dedicata a Leonardo
e ai suoi allievi
solo che quel giorno

sta impartendo lezioni.
Di anatomia. Due emergumeni
ti prendono di peso

ti stendono sul lettino
e non ricordo altro.
Se l'altro giorno

caro Dr. Frankistain,
hai visto un cervello
con su scritto bacato,

quello è il mio.
Per favore, dopo questa
straziante vita

ridotto in organi ovunque
per il mondo,
lascialo li,

che si deteriori in pace!

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0