PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Uomo libero

Onde ribelli
inondano le piazze indignate
sgomberate dalla bieca apparenza
in un tempo ove
senza altrove,
l'età umana
non si conta più in lustri,
nell'epoca della meccanica frenesia,
chiusi nei lor Palazzi vetusti,
lor non Signori,
decidono nella veste lugubre
dell'Autorità,
chi può anche perire
nell'angolo della dimenticanza.
Ho conosciuto uomini e donne libere,
dalla barba incolta per la società,
imprigionata negli allori delle sue regole catene,
ma colta per una vita nuda nelle strade sempre uguali
ma non rituali.
Ho conosciuto uomini e donne vagabondando
nel silenzio della notte
schiaffeggiato dall'imperiosa Bora,
uniti dalla povertà,
accolti dal degrado dimenticato,
nascosti dalla Città che deve
manifestar la sua gloria,
la sua potenza,
la sua magnificenza,
la sua frivola essenza
di muri cadenti,
e fabbriche ardenti
servitù.

Chi per scelta,
chi per costrizione,
chi senza alcun perché,
ha ritrovato la libertà
nella libertà di vagabondare
senza mai spegner quella candela
ora fuggitiva al vento,
ora coccolata dal tempo,
ove sognare
è bello.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anna Rossi il 11/02/2012 08:04
    la poesia come funzione sociale. risveglio di anime addormentate. testo profondo. contenuti reali, condivisi. bellissima la chiusa!
  • Alessandro il 03/02/2012 13:20
    Persone libere dalle regole-catene della società. Metafore davvero notevoli, poesia scorrevole che rallenta il ritmo in un epilogo efficace. Complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0