PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I giorni della Merla

Nel grigio cielo
che offusca il sole
privo è il potere
innanzi all'infinito.

Merli accatastati
sopra pali della luce
osservano impavidi
il giorno furente.

Il vento sputa
il suo gelido alito.

Il freddo guaisce
come un cane bastonato.

e sui rami
nessuna foglia.

Col vin Brulé
invano si tenta
di riscaldare il cuore
tra le membra di ghiaccio.

Ma stretti han chiuso
i giorni della Merla
nel loro gelido abbraccio.

 

6
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 06/02/2012 06:01
    bella espressione belle è inconsuete alcune immagini "Il freddo guaisce come un cane bastonato", "Merli accatastati sopra pali della luce osservano impavidi il giorno furente" si, è un quadro impressionista di un paesaggio che non è solo naturale, ma anche e forse soprattutto, personale. Molto apprezzata
  • Raffaele Arena il 04/02/2012 22:34
    La crescita passo passo, di quest' uomo da grande animo sensibile, e di grande capacità sia narrativa che poetica, non conosce, poesia dopo poesia che vado a leggere con attenzione. Non conosce freno. Si evolve in modo sempre più semplice, efficace e emozionante!

9 commenti:

  • Anonimo il 10/02/2012 18:00
    questa è veramente bella con queste immagini e mi piacciono u sanco questi due versi:

    Il freddo guaisce
    come un cane bastonato.

    bravo Stè!
  • STEFANO ROSSI il 05/02/2012 19:10
    Ragazzi vi ringrazio di cuore, davvero! i vostri complimenti mi riempiono di gioia... a rileggerci...
  • mariateresa morry il 05/02/2012 08:41
    Molto efficace questa tua descrizione delle giornate di gelo assoluto, dove persino i pensieri fanno fatica a decollare. " I merli accatastati" è abbastanza ardito, inizialmente non mi piaceva, ma rileggendo più e più volte, m'è piaciuta... povere creature talmente intirizzite da sembrare di legno! Secondo me hai la giusta sensibilità per poetare sulla Natura come essa è , e per fare la qual cosa, occorre avere dentro di sè una goccia del senso dell'Umiversale... e scusa se è poco! Resta sempre sulla parola semplice ed immediata e ben giocata. VAi avanti che vai beneeeee
  • - Giama - il 04/02/2012 17:03
    Poesia ottimamente scritta, versi nitidi, capaci di rendere perfettamente le immagini riprodotte...
    e in quanto a freddo, mi sa che anche febbraio non scherza...

    complimenti e ciao!
  • Anonimo il 04/02/2012 12:09
    Si sente il freddo.. accidenti. Sembra di vederlo e toccarlo, il gelo. Bella.
  • Anonimo il 04/02/2012 11:50
    giorni della merrla... i più freddi... bellissima questa lirica ste... belle metafore... complimenti
  • Ada Piras il 03/02/2012 14:05
    Bella... suggestive le immagini di gelo.
  • Hila Moon il 03/02/2012 13:46
    Bellissime, reali immagini in questa tua poesia! Molto apprezzata
  • Alessandro il 03/02/2012 13:07
    Scorrevole e suggestiva. Notevoli le ultime due strofe.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0