PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il silente rumore della sera

Sono pensosa
nella casa silenziosa,
le finestre aperte
sui profumi della primavera,
le stelle fanno capolino
mandando il loro chiarore argentino,
invitano all'incanto
alla quiete della sera.

Penso alla mia vita passata
ch'è stata una vita normale
con qualche periodo
di travaglio interiore.

I figli d'accudire,
tante cose da sbrigare,
ma fra noi
non è mai mancato l'amore.
Siamo stati sempre uniti e coesi
in ogni nostra decisione.

Oggi ho nostalgia della confusione,
delle stanze dei figli in rivoluzione.
Gli uccelli han costruito il loro nido
e a me rimangono i ricordi
e la nostalgia di quegli anni belli
e del tempo passato in allegria.

Ma son felice
perché in tutto questo tempo
più d'una nuova impronta sulla terra
e stata tracciata:
La nostra famiglia s'è allargata.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Grazia Denaro il 04/02/2012 00:20
    Quando sei tranquillo nel silenzio specie la sera che si è più rilassati i ricordi s'affacciano alla mente. Grazie Alessandro. Buona Notte.
  • Alessandro il 04/02/2012 00:06
    Ricordare con nostalgia le libertà della giovinezza, eppure provare gioia per la splendida famiglia allargatasi nel tempo. Piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0