PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nennella

Nennè,
sì tropp bell,
Tu si comm'e nà Stella
ca dint'o cielo luccica,
me rischiar'e sere.

Vurria sapè pecchè,
quann staie cu mmè,
o core mio m'pazzisc,
s'appiccia, nunn'a fernesce
e rider'e cantà.

me'a dicere comm'è,
pò, quanno te ne vaie,
se stuta, appucundrisce
chiagne comm'e criatur
scurdat dint'o scuro.

È ammore, piccerè
stà voglia e stà cu ttè.
Tu te arrubbat'o core,
me arruvutat'a vita,
io moro senza e tè; Nennè.

 

3
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 05/02/2012 17:07
    Sublime nel suo dialetto armonioso!
  • Salvatore Maucieri il 05/02/2012 05:53
    Bella opera. Molto coinvolgente. Splendida dedica. Complimenti.
  • loretta margherita citarei il 04/02/2012 20:47
    sei fortissimo quando scrivi in dialetto, ciao ezio
  • Anonimo il 04/02/2012 20:27
    ezio molto bella musicale... parole veramente dolci e sentite complimenti molto apprezzata... carla
  • Marina S. il 04/02/2012 16:09
    certi dialetti sembrano creati apposta per parlare d'amore...
  • Anna Rossi il 04/02/2012 14:53
    applausi.. è stupenda nella sua semplicità.. complinmenti!
  • - Giama - il 04/02/2012 14:18
    bella bella Ezio, mi piace molto!
    Bravissimo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0