accedi   |   crea nuovo account

Sosta

Tu che sei nata
dove il canto
ha attraversato la terra
fino a riempirla di bellezza
Tu sai cosa
vuol dire
attenzione

e sognare per tante notti
alberi
e ombre
e immagini senza ritorno
trovando una fatale delicatezza
nella distanza che ci appartiene

Un cappello e delle scarpe
per danzare
disegnano un futuro
che ha gli occhi
di uno specchio piccolo
illuminato sul soffitto
dove rassomiglia ad una una stella..

Non sei sola però
e il nero marmo sa creare
una forza di luce che ferma
la tua anima fugace
un attimo
in letizia.

Questa sosta è
una fresca grazia che mi spinge
sempre verso di te
ricercando ostinatamente
parole rischiose
o un breve sorriso..

 

3
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 07/02/2012 11:30
    Musicale, dolce e piacevole questa tua eccezionale davvero!
  • Luca il 05/02/2012 17:33
    Testo superlativo, complimenti
  • Anonimo il 05/02/2012 11:05
    belllissima roberto è stato un piacere leggerla...
  • laura marchetti il 05/02/2012 10:11
    sostare sulle tue belle poesie...è un oasi di pace e piacere
  • anna rita pincopallo il 05/02/2012 09:13
    molto bella mi piace molto come scrivi bravissimo
  • karen tognini il 05/02/2012 08:47
    Splendida Roberto... ermetica al punto giusto.. scritta con grande stile...

    Bravissimo...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0