PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'uomo del mare

Sono l'uomo del mare
resto ogni giorno seduto a braccia conserte
di fronte alla grande distesa di acqua
ad aspettare l'arrivo del mio amore.

Vivo da solo in quella baracca sullo scoglio
dove per tutti è molto difficile arrivare
i flutti delle onde appannano i vetri
ed io aspetto davanti ad essi quando piove il mio amore.

Per la gente del posto sono il pazzo del mare
perché ho raccontato loro del mio amore
di come un giorno arrivò dal mare e rapì il mio cuore
ed io la vidi col cuore straziato ripartire e mai più ritornare.

Chiamatemi pazzo, ubriaco, deforme
ben poco m'importa delle vostre parole
io so ciò che vidi e vissi
ed ora capisco il senso del dolore d'amore.

La vidi arrivare danzando
mi allungò la sua mano ed io la strinsi in un abbraccio che pareva non finire mai
mi sorrise dolcemente ed accarezzò il mio viso
mi chiese di parlare perché il suono della mia voce voleva sentire.

Furono giorni di amore
di intensi abbracci e baci passionali
duravano solo poche ore ma parevano eterni quegli attimi di sogno
poi se ne andava e solo restavo a contemplare il mare.

Un giorno mi disse che doveva partire, non poteva più ritornare
la strinsi al mio petto passandole la mano sul viso
mi donò un grande sorriso
e mai più la rividi danzare.

Sono l'uomo del mare ed aspetto sulla spiaggia di vederla tornare
non voglio pensare che il nostro amore possa sparire
esso resterà per sempre nel cuore
ed io aspetto certo che un giorno tornerà la mia Stella dal Mare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 06/02/2012 14:44
    Un Amore limpido, incontrastato. Amore puro ma pieno di dolore affrontato in modo perfetto in questi stupendi versi.
  • senzamaninbicicletta il 06/02/2012 09:08
    versi pennellati d'impressionismo nell'attesa la costanza nei versi "io so ciò che vidi e vissi ed ora capisco il senso del dolore d'amore" l'esperienza e la pervicacia contro i luoghi comuni. Credere nel futuro quello sguardo che fruga nelle onde fino all'orizzonte. Come già detto: una poesia bellissima profonda e con un bel significato.

12 commenti:

  • Anonimo il 13/05/2012 13:57
    Versi che si librano nell'aria leggeri in un'atmosfera senza tempo e senza confini, rimandano ad un amore che sopravvive a tutto, forte di speranza e di fede, come ogni vero amore davrebbe essere. Azzeccatissima la metafora del mare per esprimere l'immensità e profondità del sentimento.
  • Filippo Minacapilli il 14/03/2012 21:20
    Scusami... era "che NON rinuncia a sè stesso"!
  • Filippo Minacapilli il 14/03/2012 21:19
    Sembra un canto... lo svelarsi di un sentimento che rinuncia a sè stesso... anche se "... sono il pazzo del mare"! Bella...
  • Alèd il 13/03/2012 19:06
    Bella davvero... Consiglio all'uomo del mare di urlare al mare Il nome della sua stella e sono sicuro che il mare gliela riporterà
  • luigi granito il 02/03/2012 20:04
    Vivere nell'attesa di un amore eterno, senza che si perda, che si consumi nel tempo. Decisamente romantico, decisamente leale, ma assai pericoloso. Aspettare può renderci soli, pieni di rimpianti e di aspettazioni difficili.
    Ma nessuno può vivere l'amore di un altro, se vuoi aspetta pure, purché ti renda felice
  • Anonimo il 12/02/2012 01:01
    e' così non tornerà, ma il ricordo rimane a coccolare il cuore... il tuo cuore... l'uomo del mare ha un nome "amore" ... ma le onde sono forti, troppo perchè la sua barca rimanga attracata al tuo al suo cuore.
  • Anonimo il 07/02/2012 16:55
    Una bella favola scritta in poesia, anzichè in prosa... una specie di sogno che forse si vorrebbe vedere realizzato... in quella stella di mare io personalmente c'ho visto Stella Luce... nell'uomo di mare non saprei, o la'more perduto o l'amore sognato... in attesa del seguito ti faccio i miei complimenti. ciaociao
  • stella luce il 07/02/2012 16:28
    grazie di tutto... oggi ho scritto la seconda parte di questi versi,... appena li pubblicheranno spero li leggiate e vi possano piacere... sono un sogno che feci unito ad altro che porto nel cuore, ne sono uscite due figure in cui io riconosco Un Amore... grazie
  • loretta margherita citarei il 06/02/2012 16:33
    una melanconica bella fiaba
  • karen tognini il 06/02/2012 14:31
    Nell'attesa del ritorno... ma che bella poesia Stella luce...

    Furono giorni di amore
    di intensi abbracci e baci passionali
    duravano solo poche ore ma parevano eterni quegli attimi di sogno
    poi se ne andava e solo restavo a contemplare il mare.

    Brava...
  • Anonimo il 06/02/2012 11:10
    suggestiva molto! tante volte la musicalità di una poesia non viene tenuta in considerazione, ma qui la scelta di usare una cadenza filastroccheggiante è buonissima e si addice al tema trattato. molto de andrè
  • giuseppe bevacqua il 06/02/2012 10:53
    storia fantastica piena di intensità e sensibilità, solo chi ha un cuore tenero può capire lo sgomento e la paura di non riuscire a coronare i propri sogni.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0