accedi   |   crea nuovo account

Ridi pagliaccio

niente di nuovo nessuna sorpresa
nel cassonetto stracolmo di merda
su cui s'erge fiero e impunito
ad illuminar di nera soverchia
genti grigie di tubo catodico

dalla madonnina storpiato
il sorriso incombe furente
benedicente arroganza mediatica
che elargisce come fosse papa
dal trono di stucchevole fece

nel palazzo del popolo sovrano
invaso da ministre prepagate
e ornato come bordello retrò
paternamente accoglie
infanti speranzose cortigiane

mestieranti del facile guadagno
indottrinate da palinsesti
troppo attenti alla carne acerba
d'ipocriti sgomenti protocolli
nell'uso del Potere e della Fica

nel blasone cinque punti nella mano
che offre al bacio dei padrini e rei
son Filosofia antica d'immoralità
che malcelata dalla zip dei pantaloni
ghigna in viso a Repubblicana Dignità

 

l'autore senzamaninbicicletta ha riportato queste note sull'opera

ancora una vecchia poesia (sto rispolverando il repertorio) è dedicata a silvio che a dir la verità mi manca molto.


2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • mauri huis il 07/02/2012 09:09
    Cribbio! Mi costringerai a scrivere un peana in suo onore, se conyinui così. Ma non vi siete accordi che dietro il pagliaccio c'era un sogno vivente, un mito fatto in carne ed ossa, e infine anche un uomo che quando c'è da darcene non tira indietro (purtroppo anche in quel senso)? La rabbia vi ha chiuso gli occhi per decenni ed è bene che adesso sia finalmente finita. Ma in verità in verità vi dico: uno che alla Merkel la tiene mezz'ora ad aspettarlo mentre lui sta al cellulare non è un mito?
    Meditate gente, meditate!
    Dimenticavo: nonostante io sia dell'altra parte, ormai l'hai capito, m'inchino all'eleganza e alla salacia del tuo sarcasmo e della tua ironia.
    Concludo con un aforisma che dice qualcosa cui forse non avevi pensato: vivasilviosenzamaninbicicletta!!!!
  • Alessandro il 06/02/2012 18:22
    Un amaro sarcasmo, senza peli sulla lingua, rivolto a chi prosciuga la democrazia con la sua sete di potere, umiliando il nostro paese. Piaciuta
  • Teresa Tripodi il 06/02/2012 17:50
    Ok va bene... che grazia allora aspetto i versi...
  • senzamaninbicicletta il 06/02/2012 17:49
    e io te lo prelevo il commento se non hai posto il copyright e ne faccio una poesia
  • Teresa Tripodi il 06/02/2012 17:46
    Ahahaha adesso me posto su Fb... troppo buono...
  • senzamaninbicicletta il 06/02/2012 17:45
    che ti devo dire terry... mi piace più il tuo commento che la mia poesia
  • Teresa Tripodi il 06/02/2012 17:40
    Ahahahahah... adesso e li traquillo cheto cheto che aspetta per far cucù sobbalzando forse su dei trampoli vista la natura che purtroppo sotto questo aspetto di benigno con lui non ha avuti molto... che ti devi dire questi versi mi hanno fatto sorridere di un riso amaro visto che è palese veritá ... ho molti sogni in testa per quanto mi riguarda e forse troppo anarchi ma non cattivi, vorrei che i lupi continuassero a star sulle montagne ululando alla luna e non a mordere il culo lla povera gente... vorrei che il mostro chr spaccia flsi sogni fosse un bel quadro da appendere alla parete dove puoi vederci quello che ti piace e non finti cinismi di circostanza, vorrei un sacco di cose ma soprattutto vorrei che chi ha sulle spalle la responsabilitá di una Nazione smettesse di giicare a bocce sulla sabbia cercado di sotterrare l'altro e si mettesse una mano sul petto e liberasse un popolo che sta marcendo chiuso in una gabbia di falsità e perbenismi atti solo a rubare a chi non ha piú nulla e stenta pure a campare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0