PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Stato comatoso

Dare forma non so,
a questo mio percepirmi senza percepirmi,
è forse un frammento indiavolato di inconscio,
che ora mi governa membra assonnate,
sospese tra ignaro afflato a risorgere,
e risucchio sanguinante
di una cartolina scritta per me dal tempo
destinazione
un eterno solo immaginabile
ma mai compiutamente esplorabile.
Stato comatoso,
è lo schizzo nervoso di inchiostro,
che un medico verga
su un foglio unto e ingiallito;
quante parole mi stanno parlando,
quanti sogni
stanno fischiando sulla mia pelle,
per dirmi che mi attendono,
quando forse
il bagliore di un respiro superbo
mi accecherà nuovamente;
poesia,
regalo che la mia missione di amare
a bordo del naviglio di cristallo
del mio scintillante inespresso,
ha deciso di posarsi soavemente
sulle lacrime d'avorio di mia moglie,
ti prego,
non evadere
come dispettosa e insensibile libellula,
dal foglio a cui affidai
la tua energia vivificante;
se anche ora non odo il mio sentire,
non concederò al mio cuore
orfano di ritmi regolari,
di sentenziare di non sentire;
definire non mi è dato
se io sia più dominio di carne e anima
oppure ormai regno
di un vento che scioglie le ossa,
chi spera con me e per me,
è il mio pneuma vergine e inconstrastabile,
in un silenzio etereo di ospedale,
che mi è coperta di speranza
come il delicato e ineffabile suono
di un'arpa birmana;
figlio mio,
non leggere nella mia consistenza attuale,
un semplice, intricato esercito
di flebo, intubazioni e garze
ma il romanzo di un'eredità
d'affetto e tentata saggezza
che vorrei tu imparassi ad amare;
non importa, in fondo,
se ora davvero non sento,
ma se questo mio impotente vegetare
ti sappia infondere nello sguardo
l'orgoglio di poter stringere il firmamento,
in ogni attimo che la vita ti riserverà,
e in ogni mano che la tua storia stringerà;
che tu senta tutto questo,
sarà il mio autentico sentire,
la daga lucente e fiera,
che svergognerà l'abisso traditore
di questo mio inconsapevole dormire.

 

3
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 09/02/2012 10:48
    Stupenda Cristiano... io spero tanto... che uno stato comatoso... sia un viaggio su un naviglio di cristallo verso la luce... un po' come la Samadhi... indiana..
  • cristiano comelli il 06/02/2012 21:23
    Cara Cinzia, sottoscrivo in pieno ogni sua parola. Cordialità.
  • Anonimo il 06/02/2012 21:21
    Sono convinta che il viaggio di chi amiamo continua anche di là. cambia solo la forma
  • Anonimo il 06/02/2012 20:44
    Mi hai fatto commuovere.
  • cristiano comelli il 06/02/2012 20:41
    Grazie, se solo questo mio modesto parlare riuscisse a essere voce di rinascita per chi ora è in coma, ne sarei felicissimo. Ma perchè, porca miseria, Dio non ci ha concesso il dono di donare una parte del nostro respiro a chi amiamo davvero per consentirgli di proseguire nel grande viaggio della vita?
  • Vilma il 06/02/2012 20:07
    Direi che sei bravissimo, un bel poetare molto significativo. Complimenti
  • Elisabetta Fabrini il 06/02/2012 19:48
    Bellissima.. un viaggio dentro l'anima...
    Complimentissimi
  • karen tognini il 06/02/2012 19:30
    Riesci davvero a poetare con argomenti difficili...
    chissa' se nella mente di una persona in coma c'è davvero una forma di vita e pensiero... rimane sempre tutto cosi' misterioso... anche chi poi ne esce e racconta la luce...

    e la famiglia non puo' che soffrire...

    Sei bravo Cristiano... ma ormai lo sai!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0