accedi   |   crea nuovo account

Parlami

arrivava l'estate...
aprile non ti scoprire
maggio andava adagio
giugno apriva il pugno
mia madre il suo detto
e chiudeva la scuola
le maniche finalmente corte
la libertà usciva
aria aperta sole
sogni liberi di volare
gli zoccoli di legno dalla fedora
il rumore dei passi sul selciato
mattine di corse
bambole di pezza
canne che si trasformavano in cavalli
biciclette che diventano motori
castelli con la fantasia
guerre di acqua
nascondino
pomeriggio pigro sulle scale
sere di cacce alle lucciole
illusioni
stelle d'agosto
il granoturco cotto intorno al fuoco
canzoni
Battisti pensieri e parole
si diventava grandi
riaprivano le scuole
in questo mondo
che non ha tempo per ascoltare
parlami oh cuore parla
non ti fermare...

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • augusto villa il 25/03/2012 21:34
    Un incanto.
    Davvero bella, come uno swarovski... Le sue facce brillano tutte alternadosi... regalando emozioni intense...
    È anche ben scritta... scorrevole! ( che poi è fondamentale...)
    Che dire? Bravissima, complimenti!

2 commenti:

  • Anonimo il 21/12/2013 14:06
    delicatissimi ricordi d'infanzia
  • Auro Lezzi il 07/02/2012 17:48
    Vorrei poter ascoltare con te i ricordi della nostra fanciullezza

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0