PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Massa alcolica inerte

Battezzi il vibrante malessere
con piogge acide di liquore.
La tua uniforme è il fallimento,
il volo del tappo è lo squillo di tromba.
Estenuanti marce sotto la neve,
trincee tra i bar della stazione,
è tempo di guerra: "Sergente Bottiglia?
Presente!", non è più un'esercitazione.

Non sempre ha un buon sapore
scotta e scorre ma non ti colora,
viso pallido nella riserva della vita.
È però più docile da ingoiare
dei tuoi pesanti immobilismi
e di quello che avresti potuto dare
per rabbia o per amore,
un'angoscia mai domata.

Calmo nell'apparire, caos daltonico dentro,
bruciando il cielo d'un colore alieno.
Hai perso l'orientamento,
messo da parte gli attrezzi
dell'amor proprio, preferendo costruire
rifugi improvvisati e cadenti,
scalando mondi lisci e metallici
"È troppo, si scivola. E abbiamo freddo."

 

9
8 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Raffaele Arena il 11/02/2012 00:41
    La dimensione in cui porta l'eccesso di uso di alcool è pazzesca. ne so qualcosa. L'autore in questa lirica rappresenta bene questa non condizione, e grida come disperato il bisogno di un aiuto, come di una fune su cui potersi aggrappare per tornare su, sobrio, felice e tranquillo!
  • Anonimo il 09/02/2012 15:51
    "Non sempre ha un buon sapore
    scotta e scorre ma non ti colora," questa frase mi è rimasta dentro... davvero bella poesia!

8 commenti:

  • - Giama - il 10/02/2012 15:41
    Grande opera, per contenuto, ritmo e forma!

    complimenti!
  • Elisabetta Fabrini il 10/02/2012 14:37
    Bravissimo Ale...
  • Anonimo il 09/02/2012 19:58
    bella ale, piena di verità ... similitudini indovinate ed originali sei proprio bravo...
  • Don Pompeo Mongiello il 09/02/2012 13:22
    Riflessioni sincere e profonde in questa lirica bellissima!
  • mirtylla il 08/02/2012 17:01
    Hai saputo descrivere gli effetti dell'alcol e chi ne fa uso in modo eccellente... complimenti
  • Gianni Spadavecchia il 08/02/2012 15:14
    Pesante contenuto illustrato in un modo efficace, trasparente e diretto!
  • Vilma il 08/02/2012 15:06
    versi molto apprezzati
  • karen tognini il 08/02/2012 14:31
    Bellissima Alessandro... il caos appartiene alle persone sensibili... l'alcool allieva i dolori della vita.. almeno in apparenza... ma poi alla lunga è peggio che fumarsi uno spinello ogni tanto...

    Bravissimo... mi piace come scrivi!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0