PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Io

Perseguendo fini di dubbia utilità morale
illumino le radici dei miei peccati
che come famelici ratti rosicchiano
le speranze mie di redenzione.
Lontano da me sopravvive ancora
l'anima mia disperata e stanca
di aspettare il ritorno alla sua dimora
di questo corpo, e del suo errare.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • mauri huis il 06/03/2012 08:01
    Trovo strano che la perversione sia così consapevole. O sei proprio un tipaccio o lo sei molto meno di quello che credi. Oppure parlavi di qualcun altro. La poesia è comunque molto bella. Complimenti
  • Anonimo il 09/02/2012 18:49
    Otto versi dove ci sono tutti i dubbi e le incertezze del vivere. I peccati?! se ne facciamo li stiamo già "lavando" su questa terra, errando, come dici bene tu. La redenzione, per chi non ha valori religiosi, è anch'essa già qui: per quel che ci è dato cerchiamo di non creare dolore a nessuno, compito arduo, non sempre ci si riesce, povera me! Mi piace molto anche se... sono terrorizzata dai sorci ma proprio per questo immagine forte ed efficace.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0