PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tornerò a trovarti

Or son degli anni e ti rivedo ancora
sulla sabbia vivida che fuma.
L’ulivo bigio nella chioma,
il casolar diruto, la torta spiaggia,
gl’infiniti sassi variopinti e la fremente spuma.
Solitario venivo a rimirarti
ed ascoltai sovente singhiozzar l’acque e sfasciarsi,
a lungo ruggir, sfrenarsi l’onde.
Udii tuoni rombar, sbiancare lampi;
gabbiani vidi tuffar, pesci guizzare.
A volte di lassù tra i rami
mi sentivi dire dall’ulivo le odi eterne.
Io tornerò di nuovo a ritrovarti
perché,
tra l’umido echeggiar delle tue brezze
respiro tenerezze semplici,
intimità perdute,
speranze ritrovate e dolci inviti a sognare.
(1960)

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/08/2013 11:26
    Molto apprezzata.. complimenti.

2 commenti:

  • roberto mestrone il 10/06/2007 21:21
    Vorrei proporti di dedicar quest'ode a Lepardi...
    Sento che ti è stato vicino mentre la componevi..
    Bravo!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0