accedi   |   crea nuovo account

L'Amico

È un difetto d'adattamento.
Non sto coi buoni nei coi cattivi-
inaridimento dei sensi.


Non riesco
ad amarti - fratello-
ne con le mani ne con i canti.
Un lamento mi cresce
strozzato- di croste
e di corvi - come ci fosse
in fondo- soltanto cemento.


Ed odio
questo mio volto di fame
che solo è capace
a tesser rovi di niente-


e ci allontana
la gente.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • sergio il 03/03/2012 15:04
    molto bella e apprezzata.
  • Luca il 10/02/2012 12:38
    originale e intensa... forte, dolente... apprezzata... complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0