accedi   |   crea nuovo account

Dio alieno (a mio padre)

ho visto il sangue di mio padre
scorrere nelle vene
ho visto il suo sorriso
addolcirmi il cuore
poi la rabbia
trasformata in un confronto
quanto ancora resterà
la sua apparenza
nelle linee della mia vita
quanto rimarrà la sua faccia
nei miei occhi
ora che la sua presenza è terminata
vivrà dentro di me
nel mio sangue
nel mio pensiero
nelle parole, in ogni desiderio
sarò la sua barca
il suo viaggio dalla terra al cielo
in ogni dimensione
affinché possa
lui trovare la pace davvero
e tu ascoltami "dio alieno"
irraggiungibile pensiero
spero solo non sia
il gioco divertente
di un tuo candido parente
qui la vita
non è gioco
quando si muore
ci si spegne per sempre
ed è tutto
umanamente sofferente
dopotutto sarebbe umiliante
scoprire
che al di la non esiste niente.

 

2
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Dolce Sorriso il 24/02/2012 17:27
    un emozione, un brivido, so cosa intendi!!!
    Versi molto belli
  • stella luce il 11/02/2012 00:20
    siamo perchè loro sono... scorrono nel nostro sangue i nostri genitori... e credo che il loro andare sia sempre un dolore che non può essere mai sedato..
  • Anonimo il 10/02/2012 13:41
    ogni poesia dedicata al proprio padre e' per me un momumento... adoro mio padre, che e' per fortuna ancora in vita, e ho apprezzato il tuo urlo in questa poesia di un padre che non c'e' piu'... molto sentita
  • Luca il 10/02/2012 12:36
    bella, emozionante, sentita

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0