accedi   |   crea nuovo account

Uva acerba

Aizzato da questo vento gelido
che non da pace né ingordigia
al mio passato acre...
aspro come acerbo agrume
e pungente come la spada di un eroe
chiedo mille ali acrobate
che mi conducano a quel malsano cuore
che avvelenato insudicia le mie carezze,
e adesso malsano è il mio viso cieco,
distratto e sconfortato da fango maligno e profano
del tradimento nefasto

Portami via carovana marziana
dentro i colori incandescenti e forti
della galassia ignota
fammi più forte delle mie paure
come Sole che si confonde al mare

Portami altrove...
fiume di meteora
nella caverna del Minotauro infuriato
nell'arco infuocato di una donna guerriera
e come nuda e fragile foglia
rinvigorirò la mia pelle e l'anima

... e allora sì... sì che tornerò spartano
gladiatore di un esercito nuovo
e senza timore mi scorderò di te!

 

4
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Gianni Spadavecchia il 10/02/2012 13:35
    Tanta forza si da l'autore in questa bella scritta.

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 10/02/2012 21:05
    molto apprezzata bella poesia
  • roberto caterina il 10/02/2012 12:02
    Voglia di andar via troppo presto? A suo tempo quando tutto sarà maturo, si potrà davvero dimenticare..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0