accedi   |   crea nuovo account

Pioggia

Fittissima, gelida, rumorosa,
la pioggia
martella impietosa l'asfalto.
Come un sipario, aprendosi
ad ogni folata di vento,
gioca con i passanti,
cogliendoli impreparati,
senza la maschera d'indifferenza,
e la vernice colorata
da mostrare al pubblico.
Volti irati, seccati,
i capelli scompigliati,
s'affollano disordinati
sotto i portoni dei palazzi.
Guizzano sulla strada le cupole colorate
degli ombrelli;
sprazzi di cielo, stracci di prato,
angoli di sole gettati a casaccio
che spiccano senza nesso
sull'asfalto bagnato.
Le grandi cupole nere e lucide
paion lugubri fazzoletti rigati
di pianto.

Prigioniero nell'ingorgo degli ombrelli,
ti penso.
Vorrei essere a casa, con te,
dietro al vetro di una finestra,
dopo aver corso insieme
sotto questa pioggia furiosa.
a tendere insieme l'orecchio
per carpire le segrete parole ch'essa,
sfacciata e crudele,
scambia con i muri dei palazzi,
colpendoli, scrostandoli, scolorandoli.
E contare le gocce atterrate sul vetro,
ad ogni nuova goccia un bacio,
una pioggia di baci...

Poi il vento invidioso
mi scardina l'ombrello e porta via con sé
il mio pensiero di te.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 10/02/2012 18:29
    Bella, molto bella.. ricca di immagini e di emozioni!
  • gina il 10/02/2012 17:44
    una poesia che è il racconto di un sogno, con la giusta dose di romanticismo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0