accedi   |   crea nuovo account

Senza rimpianto

La nausea aumenta
maledetta latrina
so che respiri
e vuoi una bambina

Sbagliato
malato
deviato
incompreso
per me soltanto
malsano peso

Nell'attimo solo
in cui stai pensando
tagliarti la testa
senza rimpianto

Ti culli del fatto
che non c'è legge
che possa disfarsi
di te
e del tuo gregge

Il luminare vorrebbe guarirti
il benpensante vorrebbe capirti
il mal di stomaco potrebbe svanire
soltanto quando
t'avrei visto
morire.

 

l'autore laura cuppone ha riportato queste note sull'opera

a tutti gli assassini dell'infanzia
col sesso, con le botte, coi soprusi


4
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/02/2012 10:48
    bellissime rime arrivano nel profondo, toccano corde che spesso non si sa di avere. Ci sono dei passaggi stupendi per cui mi manca la chiave di lettura vera, ma la chiave dell'impatto emotivo rimane dentro fortissima. Brava!!!

9 commenti:

  • augusto villa il 12/03/2012 20:43
    Evidentemente... fra i legislatori (e i loro amici)... ce ne sono parecchi... Basterebbe un trattamento farmacologico forzato... Ma le leggi...
    Ciao Lauretta, anche questa ben scritta. -----
  • laura cuppone il 14/02/2012 09:56
    ringrazio tutti, quelli che hanno commentato e quelli che soltanto hanno letto..
    quelli conseguenti nell'esser d'accordo e quelli che non se la sentono d'esprimersi...

    ringrazio
    da mononeuronica
    anche la piccola piega tra le parole che Janco ha intuito come "garantismo indiscriminato"
    che poi fomenta la mia rabbia
    ancor di più!!!

    grazie a tutti

    Laura
  • Anonimo il 13/02/2012 17:13
    Il tema è forte e istintivamente è difficile non pensarla come te.

    Il luminare vorrebbe guarirti
    il benpensante vorrebbe capirti
    il mal di stomaco potrebbe svanire
    soltanto quando
    t'avrei visto
    morire.
  • Janco B. il 13/02/2012 10:56
    Ritengo evidente che si possa parlare di progresso solo in relazione alla scienza e a molte forme di discriminazione, ma il carico di garantismo indiscriminato che porta con sè va a minare le fondamenta della sana selezione naturale. Insomma, mantenendo in vita certi soggetti se ne condannano altri, e fatico a capire a chi giovi tutto questo, forse ai sensi di colpa male indirizzati del mononeuronico occidentale
  • Dolce Sorriso il 12/02/2012 21:13
    hai ragione Laura... come darti torto, i bambini, la loro purezza, la loro ingenuità... bisognerebbe solo amarli...
    ciao tesoro!!!
  • Salvatore Maucieri il 12/02/2012 20:25
    Opera mirabilmente scritta. Il tema, molto delicato, non potrà trovare palcoscenico in questo sito. Comunque cerco di comprendere la tua amarezza. Condivisa. Bravissima. Ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
  • - Giama - il 12/02/2012 14:59
    Condivido questo "disprezzo" (passami il termine)..
    poesia forte, vera!
    complimenti!
  • Pepè il 12/02/2012 14:04
    I bambini vanno protetti da tutte le forme di abuso! Poesia fatta con parole di rabbia. Sono schierato dalla tua Laura.
  • laura cuppone il 12/02/2012 13:38
    Deliro forse
    forse é peccato
    pensare alla morte
    d'una creatura del creato,
    ma questa non é
    che la fine migliore
    per chi rinnega e uccide
    l'amore.

    Tema difficile da digerire, io non ne posso più di mandar giù
    bocconi avvelenati
    Sarei ipocrita se pensassi ad una via di mezzo...
    e non so se la guarigione serva a qualcosa.. o esista.
    Non mi interessa...
    so solo che mostri occupano ossigeno
    e tanti poveri cristi muoiono...

    il male é male...

    non aggiungo altro.

    Laura

    grazie Mauro

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0