accedi   |   crea nuovo account

La casa dei pazzi

Quante storie ho sentito raccontare
Sulla casa dei pazzi al di là del mare
C’era un buffo pilota d’astronavi di carta
Che soleva partire per pianeti lontani
Si parlava di un uomo dalla testa di passero
Che guardava le stelle appoggiato sui rami
Cenerentola al ballo aveva quattro scarpette
Che cambiava all’inizio di altrettante stagioni
E mangiava soltanto fiori colti d’Aprile
Che eran dolci e fragranti e di più dimensioni
Si narrava di un gufo che cantava di notte
Con sembianze d’umano spodestato dal trono
Intonando più volte cantilene interrotte
Anelanti un antico e dolente perdono
Si diceva che ognuno visse più d’una vita
Che facessero parte d’una storia infinita
Iniziata per caso in un giorno contrario
Ai tempi e le leggi del calendario.

(Autunno 2003)

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • roberto mestrone il 11/06/2007 15:07
    Curiosa casa abitata da eroi delle nostre fiabe, da animali con sembianze umane e uomini con aspetto animale.
    Bella fantasìa, Federico, bravo!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0