accedi   |   crea nuovo account

Mia libagione oscura

Mia libagione oscura
d'oro, d'acqua e di perle
nel buio ti splendon la pelle
ed i seni invitanti
come marmorei calici
da dove il tuo vino sorseggio
sentendomi ebbro
nel brindarti nuda.
Vita c'è in te
a me trasmessa
dai tuoi occhi d'ancella
e dal ventre
dove vita rinasce
di carne, di sangue
e di vino
a delineare
due tratti somatici
in uno.
Vortice buono
come mosto inebriante
è questo uragano
che i tuoi fianchi scatenano
e che cingo
tra le braccia nel buio
ricambiandoti il sangue,
la carne ed il vino.

 

0
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 24/03/2016 13:04
    Mi meraviglia per si tal poesia, no no commento o recensione che sia, nonostante le quasi mille letture.

0 commenti: