accedi   |   crea nuovo account

La notte

Aspre le nubi sovietiche
invasero le tundre fiamminghe
con colpi di cannone a scuoter le vie
Saremmo stati l'infinito
se il ricco brigante
non avesse urlato alle nebbie innocenti
Avevo un lume che cantava la vita
avevo un cuore che piangeva la notte
Dunque le frecce infuocate
bruciarono le chiese
i mausolei e pure le stelle
e se pur persi in un vallone gelato
i nostri occhi brillarono un attimo
tra il silenzio e la morte

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 16/02/2012 20:16
    veramente bella luca complimenti
  • loretta margherita citarei il 15/02/2012 21:00
    molto apprezzata complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0