PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cercare di scappare

Avrei fatto pace con me stessa
se fossi stata presente alla mia partenza,
invece son rimasta li a guardare
come se non riguardasse,
ne il mio bene ne il mio male.
Sdoppiata, in situazioni da osservare,
sono il giudice di me stessa
e nello stesso tempo il principale aguzzino.
Mentre tutti inconsapevolmente
continuano a fare il loro casino,
mi allontano dal ritmo dell'abitudine,
lascio agli altri la gloria di emettere sentenza,
ho troppo poco tempo
per cercare di scappare.

 

7
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • senzamaninbicicletta il 17/02/2012 04:17
    "Avrei fatto pace con me stessa se fossi stata presente alla mia partenza" molto carina questa entrata, ma anche in questa poesia affronti il tema psicologico e secondo me lo fai da disillusa lasciando agli altri il compito di "fare". A volte è un comodo riparo per il proprio io stanco e sopraffatto dalla delusione. Molto profonda terry mi piace molto

9 commenti:

  • Teresa Tripodi il 16/02/2012 00:31
    Ottima Gialma... assolti o condannati?...
  • - Giama - il 15/02/2012 22:59
    grande e profonda poesia; un ottimo modo di affrontare la vita, consapevoli che il giudice più severo è in fin dei conti la nostra coscienza. allora che serve scappare, lei ci sarò sempre, ci osserverà; ma non emetterà alcuna sentenza, perchè nel momento stesso in cui noi la riconosciamo e ci riconosciamo in essa, saremo immediatamente assolti...
    complimenti!
    ciao ciao
  • stella luce il 15/02/2012 22:46
    magari Teresa si ci potesse allontare da quello che di noi che ci può fare male... bei versi
  • Salvatore Maucieri il 15/02/2012 20:54
    Splendida introspezione. Molto profonda. Complimenti. Ciaoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo
  • loretta margherita citarei il 15/02/2012 20:33
    ottima apprezzatissima
  • Vilma il 15/02/2012 19:58
    meravigliosa poesia.. complimenti
  • karen tognini il 15/02/2012 18:37
    Bellissima poesia Teresa e condivisa... siamo noi con la nostra coscienza giudici severi...(aguzzini)...

    Brava...
  • Anonimo il 15/02/2012 18:31
    interessante a molti accade materialmente... allontanarsi dal ritmo dell'abitudine... sdoppiata per poter osservare...è meraviglioso baci
  • Vincenzo Capitanucci il 15/02/2012 17:36
    Bellissima Teresa... ho scritto anche io oggi una poesia sullo sdoppiamento.. la nostra coscienza ha la facoltà di essere Testimone di sé stessa...è entrare in un ritmo più profondo di noi stessi..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0