PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Al piccolo Riccardo

Bastò il fragore vigliacco,
di una cellula stridula
sfuggita
allo spartito melodioso della natura
perchè la conca dorata
delle tue membra scalpitanti
intrise di gioiosa adolescenza,
profanata fosse per sempre,
da una voce cavernosa
che violentava maledetta
la stanza di coriandoli della tua luce,
con graffi impazziti di buio.
Dire non so,
se tu potuto abbia scorgerti uomo
nella proiezione dei tuoi sogni innocenti,
non mi sorreggono parole, credimi,
perch'io possa prendere a sassate
con l'esercito impotente dei miei umani perchè,
quel destino
che sincronizzò la tua ora conclusiva,
quand'ancora dimoravi
nell'impronta di un acerbo fanciullo;
in quella bara in cui per sempre ora riposi,
lo sai,
custodirai il pianto di quel respiro
che avrei desiderato donarti
e mai riuscirò a donare ad alcuno;
ora Dio ti spiegherà,
perchè il nostro gemere
sull'estrema, lacerante,
inspiegabile dipartita,
incapace sia destinato a essere,
di diventare linfa di rigenerante vita,
per chi si appresta a lasciarci.
Sette anni, sì,
sono maledettamente pochi,
per riuscire a giocare
al grande gioco del mondo,
scorgermi vorrei tanto
magia di pioggia purissima,
per essere il demiurgo che risusciti,
il tuo piccolo, martoriato fiore.
Ti penso ora esile rosa,
che dirige l'orchestra di zucchero delle nuvole,
ti penso scintillante bicicletta,
che ci insegna a correre verso il mare,
dell'umana, imperitura concordia,
ti immagino disegno di rondine,
che si posa sulle spalle dei nostri voli,
perchè il nostro dolore
sappia parlare al tuo ricordo,
e farsi per te,
la vita che non potesti essere.
Piccolo Riccardo,
il morbo che mai sa perdonare,
ti ha condotto via,
tutto ciò che so donarti,
è la lacerazione del mio pianto,
che forse vanamente,
tenta di farsi poesia.

 

2
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • cristiano comelli il 15/02/2012 23:41
    Quando apprendi che un bimbo di soli sette anni che sorrideva alla vita e possedeva un diadema di sogni da esplorare è stato reciso come un fiore indifeso da una maledetta patologia incurabile, ti viene la tentazione di maledire davvero il destino. Poi però pensi; occorre fare qualcosa per far sì che continui in qualche modo a essere presenza in questo mondo, e allora ho pensato di dedicargli queste parole che, al contempo, custodiscono il mio pianto per quella fine tanto prematura e orribile cercando, con grande difficoltà, di cogliere il senso di questa precoce dipartita inquadrandolo in un disegno divino e cerca di sentire nella voce di Riccardo la poesia con cui bisogna continuare, nonostante la devastazione della morte, a guardare al mondo. Adesso non proseguo sennò mi metto a piangere di nuovo, scusatemi e cordalità.
  • - Giama - il 15/02/2012 23:39
    carissimo cristiano, sono riuscito a leggere, con fatica devo ammettere...
    la tua poesia tocca nel profondo, piange il mio cuore di uomo e di padre nel leggere questi versi...
    chiudoilcommento con parte di un tuo verso

    ora Dio di spiegherà...

    un caro saluto
    sensibile amico

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0