accedi   |   crea nuovo account

è tutta colpa de li santi

s'io fossi dio (e nun lo sono)
dopo ave' cacato sto pianeta nostro
m'aggrapperei allo sciacquone
p'er collo 'ncravattato

s'io fossi la madonna invece
madre de tutti 'sti fij de na mignotta
m'annerei a nisconne sotto 'n treno
pe' la vergogna de 'sta progenie

ma siccome la gramigna
nun c'ha bisogno der concime
e vie' su' da sola ch'è 'na meravija
è 'nutile attaccasse a li santi
pe' da' la colpa
sempre a quarcun'altro

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 05/08/2014 10:21
    Una lode particolare per questa tua eccezionale!
  • Ezio Grieco il 17/02/2012 23:54
    Bella!
    .. sulla falsariga del Trilussa, grandi metafore con profondo significato.
    .. e condivido quelle che A. A. definisce "bestemmie"
    Il dialetto (io scrivo spesso nel mio dialetto) ha bisogno di... tono forti per essere.. espressiva.
    Piaciutissima.
    cl

11 commenti:

  • mirtylla il 22/02/2012 16:19
    Bella
    si fa presto a dar la colpa agli altri, anzi è sempre colpa di qualcun altro... finché l'uomo non si cerca, e non si capisce...
  • Anonimo il 21/02/2012 20:28
    scusate ma io non l'ho trovata blasfema...
  • Anonimo il 21/02/2012 20:26
    simpatica, ironica... bravo manu mi è piaciuta molto...
  • DOMENICO FRUSTAGLI il 20/02/2012 18:23
    Ben detto!
    È inutile rifilare sempre la colpa agli altri.
  • Grazia Denaro il 19/02/2012 18:41
    Molto piaciuta, anche se non conosco perfettamente il dialetto romano, ho afferrato il senso, apprezzata!
  • roberto caterina il 18/02/2012 16:47
    Giuste e condivisibili considerazioni... Piaciuta
  • - Giama - il 17/02/2012 18:05
    sai che mi viene voglia di incollare il commento che ho lasciato alla tua precedente poesia?
    questa umana mente che si dà sempre ragione e senza ragione trova la causa delle proprie colpe in qualcun'altro...
    grande metafora la gramigna!

    ancora bravissimo!
    ciao
  • Teresa Tripodi il 17/02/2012 14:35
    L'ho letta anche se in dialetto è molto comprensibile... ogniuno da la colpa al divino perchè fa comodo tanto sono buoni e non fulminano nessuno... forse perchè non esistono oppure perchè hanno troppo da fare... oppure semplicemente non gli frega ed allora questo è grave... mi verrebbe da dire a chi amorevolmente lo invoca: voi lo chiamate Dio ma io non Lo conosco...
  • senzamaninbicicletta il 17/02/2012 13:44
    grazie maurizio e grazie arcano, ma vorrei chiarire che io per abitudine, pur essendo ateo (anzi, proprio per questo!), non bestemmio mai e la strofa finale è proprio contro le bestemmi che tirano giu' interi calendari di santi per problemi non sovrannaturali o divini, ma esclusivamente umani.
  • A. A. il 17/02/2012 13:17
    Ahahahahahahahah. Bellissima. È piena di bestemmie, ma bella.
    Il romano è un dialetto molto simpatico. Ma la poesia ha dei bei significati e delle buone immagini.
    Un saluto
    A. A.
  • mauri huis il 17/02/2012 11:26
    Le prime due strofe sono folgoranti, l'ultima tira un po' il freno. Ma sei comunque sempre caustico e salace. Complimenti Sergio!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0