accedi   |   crea nuovo account

Madre

Ti da la vita e in cambio nulla chiede
e ti colma d'affetto e di attenzione.
Per ogni cosa lei vede e provvede,
per te ogni suo pensiero ed ogni azione.

E fa in modo che non ti manchi niente
a costo di privarsi lei di tutto.
Ad ogni tua chiamata lei è presente
in ogni istante, bello oppure brutto.

E questo senza farlo mai pesare,
lei vuole che tu quasi non lo veda.
Eppure tu lo sai che puoi contare
su lei qualunque cosa ti succeda.

E quando sul suo volto scende il velo
Stretta dal freddo abbraccio della morte
Tu sai ch'ella ti guarda su dal cielo
e mai e poi mai ti lascia alla tua sorte.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Maria Rosa Cugudda il 09/03/2012 13:28
    Dolce lirica che mi avvolge nella gioia e nel dolore,
    stupenda, Giuseppe!
  • Fabio Mancini il 26/02/2012 15:13
    Scritta con l'inchiostro del cuore. Ci ho travato tanta purezza d'animo, semplicità ed Amore. Tra te e Lei c'è, o ci dovrebbe essere, una profonda comunione che non è solamente lo sguardo protettivo di una mamma verso il figlio, ma un reciproco affetto che attraversa la materialità delle cose. I nostri defunti non sono soli, essi vivono nel nostro cuore e loro pregano per noi. Ciao, Fabio.
  • Giuseppe ABBAMONTE il 24/02/2012 15:38
    Grazie Nicola per questo commento, caldo, sentito e sincero.
    A presto
    Giuseppe
  • Nicola Saracino il 24/02/2012 13:02
    Caro Giuseppe, io sono certo che non sia mai troppo tardi per "ricambiare", nel senso che la madre "sente" il nostro amore anche quando non vive più sulla terra, e trasforma i nostri rimpianti in attuali gesti d'amore. Sono certo che chi ama, come una madre, è in grado di incamerare nel presente ogni tenerezza futura (il rimpianto di un figlio), perché sa che avverrà e sa che l'amato (figlio) questo vorrebbe.
    Nicola
  • Giuseppe ABBAMONTE il 17/02/2012 18:57
    Caro Giacomo
    una cosa di cui ci si può rammaricare è quella di aver dato quasi per scontato l'affetto materno, quasi che fosse normale, dovuto.
    E quando esso ti viene a mancare che ti accorgi di quanto fosse importante. Questo volevo dire dietro quei versi: la madre fa tutto senza farlo pesare e senza quasi farsene accorgere.
    Solo quando non c'è più si capisce quello che si è perso. Insomma, meglio accorgersene prima e ricambiare adeguatamente.
    Un abbraccio
    Giuseppe
  • - Giama - il 17/02/2012 17:41
    Grande poesia Giuseppe!
    Io però non leggo tanto il dolore, ma la speranza, quella che si respira nel ricordo...

    E questo senza farlo mai pesare,
    lei vuole che tu quasi non lo veda.
    Eppure tu lo sai che puoi contare
    su lei qualunque cosa ti succeda.

    questo verso mi ha colpito, perchè hai centrato in pieno ciò che fa l'amore di una mamma!
    inoltre, sempre dello stesso verso, trovo splendida la parte
    "Eppure tu lo sai che puoi contare
    su lei qualunque cosa ti succeda."

    quel "su lei" è geniale: ha un doppio significato; "contare su lei", sul suo aiuto, ma soprattutto "su lei qualunque cosa ti succeda": cioè una mamma si appropria di qualsiasi patimento del proprio figlio.

    Grandissimo Giuseppe!

    ciao
    giacomo
  • Anonimo il 17/02/2012 16:33
    bellissima giuseppe una dedica sentita... ti capisco nel dolore ... sicuramente leggerà questa poesia e ne sarà contenta, anche se non ti conosco ti abbraccio
  • A. A. il 17/02/2012 12:52
    Non posso commentare una cosa tanto personale.
  • Giuseppe ABBAMONTE il 17/02/2012 11:56
    E qualche giorno fa sarebbe stato il compleanno della mia..
    È stato pensando a questo che ho scritto questa composizione.
    Giuseppe
  • vincent corbo il 17/02/2012 09:57
    Ho perso mia madre da poco e leggere questa poesia mi ha fatto bene. Grazie Giuseppe.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0