accedi   |   crea nuovo account

Napoli

Napule è chell ch'rè!

È odio, è ammor,
è n'Anema afflitta;
e scugnizz
o Core mmano
e nà pistola m'pietto.

Napule è pizz'arris,
a vita s'mpruvvis,
t'ià n'ventà
mille mestieri
e o juorn è semp sera.

Napule è cartolina,
o Vesuvio, Pusillepo,
Margellina;
mill bellezze
ammiscat ca mmunnezza.

Napule era alleria,
canzon, sentimento;
quatt'uommen'e nient,
cammurrist e magnaccia,
l'hann mise o scuorno n'faccia.

Napule è nu teatro,
due milioni di attori,
si recita a braccio;
pè decider'e restà
ce vò curaggio.

Napule nun canta cchiù!

Offesa, umiliata, maltrattata,
chi ha putut l'ha futtuta,
comm'e nà puttana;
o figlio cà vò bbene,
soffre e s'alluntan.

 

3
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Rossana Russo il 28/02/2012 10:39
    Brividi.. *_* splendida e triste poesia.. complimenti
  • Dolce Sorriso il 18/02/2012 23:13
    che bella questa poesia, mi sembra un dolce canzone
    bravo!
  • loretta margherita citarei il 18/02/2012 19:45
    napoli è bellissima, come te quando scrivi in vernacolo
  • Anonimo il 18/02/2012 16:39
    Molto bella... anzi, strepitosa poesia... per capire quanto mi sia piaciuta, io lombardo puro sangue, vatti a leggere il mio racconto: Il calore non ha sesso... uno strano gemellaggio Napoli-Brescia... link http://www. poesieracconti. it/racconti/opera-7150
  • karen tognini il 18/02/2012 11:39
    Napoli è molto bella... peccato pero' ... troppo maltrattata...
    ha comunque un fascino unico...

    Bravo Ezio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0