accedi   |   crea nuovo account

La Casa dell'Amore

Al Tuo cospetto
scardinai
le porte dei miei mutismi

in dolcezze d'Amore

feci di grandi solitudini
il petto del nostro giardino

scavai
i miei occhi introversi
per contenere in lembi di cielo

un volo di versi in cui estasiarti di vento e di sole

donando alla Tua anima

un trasparente mobilio

dove sfaccendare
insieme
nel perpetuarsi dei giorni

fra specchi e cristalli

in acque di Rose

 

6
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 19/02/2012 15:50
    bellissima strofa di apertura...
    Al Tuo cospetto
    scardinai
    le porte dei miei mutismi
    in dolcezze d'Amore
    da qui in poi il lettore resta ipnotizzato nella lettura di questa dichiarazione d'amore che ha i toni della confessione... molto molto bella... un'altra perla di saggezza poetica. ciaociao
  • karen tognini il 19/02/2012 14:14
    scavai
    i miei occhi introversi
    per contenere in lembi di cielo

    un volo di versi in cui estasiarti di vento e di sole

    donando alla Tua anima


    Quanta dolcezza in questi versi.. e quanto Amore sai donare!!!!

    Meravigliosa lirica...
    bravo Vince...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0